Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Brevettabilità dei beni globali e benessere collettivo: il caso dei farmaci contro l'Aids

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Con queste parole del Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan si apre il lavoro pioneristico “Global Public Goods” 1 , pubblicato per l’UNDP (United Nations Development Program) a cura di Inge Kaul, Isabelle Grunberg e Marc A. Stern. E sono dunque proprio i beni pubblici globali l’oggetto principale di questo lavoro: la loro definizione tecnica, le problematiche ad essa relative, l’offerta e soprattutto la domanda internazionale che rimane purtroppo perlopiù ancora insoddisfatta e, in particolare, la problematica di un regime internazionale di proprietà intellettuale troppo rigido relativamente alle questioni di salute pubblica. La teoria economica si è ampiamente occupata dei beni pubblici. Già Adam Smith 2 aveva previsto la presenza di alcuni beni, nella fattispecie Smith parlava della difesa interna ed esterna, della giustizia e di alcuni opere pubbliche, per i quali non poteva funzionare la mano invisibile del mercato. Una definizione analitica più rigorosa verrà fornita da Samuelson nel 1954 3 . Ma un’attenzione altrettanto generosa non è ancora stata data ai cosiddetti beni pubblici internazionali, ovvero quei beni pubblici prodotti nazionalmente che però hanno effetti, spill-over nella terminologia economica classica, internazionali, ecco perché il libro sopracitato, pubblicato appositamente per l’UNDP, può essere considerato a ragione un lavoro pioneristico. In un’economia mondiale sempre più globalizzata da inarrestabili forze tecnologiche che abbattono i costi di trasporto e i costi di comunicazione, in uno scenario dove i tradizionali attori di politica macroeconomica si trovano a dover lavorare con variabili che sfuggono sempre di più al loro diretto controllo, in un contesto dove le interdipendenze tra i paesi si fanno ogni giorno più profonde e la concorrenza internazionale ogni giorno più agguerrita, si sente sempre più il bisogno di una coordinazione delle politiche nazionali in un ambito sovranazionale per poter affrontare efficacemente le nuove sfide poste dalla modernità. Temi come i focolai di guerra sparsi per tutto il mondo, le 1 I. KAUL - I. GRUNBERG - M.A. STERN, Global Public Goods; International Cooperation in the 21 st Century, New York, Oxford University Press, 1999. 2 A. SMITH, Inquiry into the nature and causes of the wealth of nations 1776

Anteprima della Tesi di Andrea Pieralli

Anteprima della tesi: Brevettabilità dei beni globali e benessere collettivo: il caso dei farmaci contro l'Aids, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Pieralli Contatta »

Composta da 297 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1676 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.