Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto 14 Come si può vedere il modello informazionale viene arricchito di nuovi elementi che lo rendono meno scontato. Perde importanza il rumore come disturbo fisico del segnale e vengono portati in primo piano i codici e i sottocodici usati nella codifica e nella decodifica. Il loro funzionamento è ben diverso rispetto al modello precedente. Se prima rimaneva sostanzialmente inalterato lungo tutto l’arco comunicativo grazie all’uniformità di codice usato, ora il messaggio può essere modificato nel momento della decodifica a causa di una diversità di codice tra la fonte e il destinatario. Ma non è solo la pluralità dei codici in gioco nella comunicazione a distinguere i due modelli: è l’essenza stessa del codice a cambiare. Se nel modello informazionale era solamente un sistema di corrispondenze in grado di organizzare degli elementi sul piano dell’espressione, nel modello semiotico-informazionale il codice diventa una regola di significazione in grado di stabilire delle correlazioni tra elementi significanti ed elementi significati. I vari codici rappresentano quindi delle regole di competenza ed interpretazione che possono non essere comuni all’emittente e al destinatario del messaggio: in questa difformità di codice il modello individua la possibilità di una distorsione del messaggio che in alcuni casi può risultare notevolissima. La distorsione può rivelarsi talmente pesante da provocare non solo un cambiamento del messaggio ma addirittura un’interpretazione contraria al senso originario. Nozioni su cui non ci intratterremo come effetto boomerang, Codice usato dal destinatario Messaggio emesso come significante Destinatario Messaggio ricevuto dal destinatario Messaggio ricevuto come significante Sottocodici Fonte di informazione Codice usato dalla fonte Sottocodici

Anteprima della Tesi di Federico Bettello

Anteprima della tesi: I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federico Bettello Contatta »

Composta da 315 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2570 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.