Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto 8 stesso tempo puntuale e flessibile e di un bouquet di strumenti metodologici adatti ad un confronto sul campo con la significazione. La coerenza e la funzionalità raggiunte tra i due livelli (quello teorico e quello più squisitamente applicativo) rappresentano uno dei punti di forza della semiotica strutturale e contribuiscono a renderla il principale strumento di analisi della significazione odierno. Dice Maria Pia Pozzato a tal proposito: Il rapporto fra teoria e analisi è quindi strettissimo: è l’analisi che nutre la teoria ma l’analisi sarebbe un puro esercizio individuale, costretto a ripartire ogni volta da zero, se i risultati precedenti, raccolti in una teoria, non permettessero un confronto e una verifica dei risultati (Pozzato 2001: 18). La simbiosi tra teoria e applicazione sul campo rappresentano allo stesso tempo un obiettivo e un punto di partenza in continua definizione. Il dinamismo dei due livelli (la semiotica strutturale si definisce come un’impresa, un oggetto in divenire) non permette di fissare una volta per tutte i legami che li tengono insieme. È necessario un continuo aggiornamento del loro rapporto per garantire alla disciplina la possibilità di essere un utile strumento di indagine della significazione. L’equilibrio tra generalizzazione teorica e particolarità empirica rappresenta quindi un elemento cruciale nello sviluppo della semiotica strutturale come scienza. Ma tale equilibrio non è un risultato facile da raggiungere considerando il secondo aspetto che emerge dalla definizione succitata: la semiotica strutturale si propone di costruire una teoria generale della significazione e dei linguaggi. Attraverso una serie di modifiche e affinamenti teorici che hanno affrancato la disciplina da un’impronta esclusivamente linguistica (vedremo in seguito come il concetto di testo sia stato centrale in questo senso) la semiotica contemporanea si prefigge l’obiettivo di analizzare qualsiasi processo di significazione e di discorso. Lasciando perdere la polemica sulla supposta arroganza di tale aspirazione 2 possiamo solo esaminare le implicazioni di carattere teorico e metodologico che questa aspirazione comporta. Dal punto di vista della ricerca sul campo il confronto con qualsiasi tipo di espressione culturale impone l’adozione di strumenti specifici ad ogni linguaggio, in grado di adattarsi ai più diversi tipi di grandezza e complessità. Negli ultimi anni sono stati fatti molti passi in avanti in questo senso. La semiotica strutturale è stata applicata ai più svariati campi della significazione. Interessanti 2 Una delle critiche mosse alla semiotica del testo di stampo strutturale si riferisce alla supposta aspirazione, da parte di questa disciplina, di diventare una sorta di metalinguaggio in grado di descrivere ogni tipo di teoria. La domanda che a questo punto tali critiche rivolgono alla semiotica è la seguente: chi analizza la teoria semiotica?

Anteprima della Tesi di Federico Bettello

Anteprima della tesi: I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federico Bettello Contatta »

Composta da 315 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2570 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.