Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto 10 altro punto di vista, questo poco è decisivo; perché tra i due oggetti, o i due tempi dell’attività strutturalista, si produce del nuovo, e questo nuovo è niente meno che l’intelligibile generale: il simulacro è l’intelletto aggiunto all’oggetto, e questa addizione ha un valore antropologico, in quanto è tutto l’uomo, la sua storia, la sua situazione, la sua libertà e la resistenza opposta alla sua mente dalla natura (Barthes 1964: tr. it. 246). L’attività strutturalista diventa quindi un modo di operare, di leggere il mondo. Con un approccio scientifico, come abbiamo già detto. Ma anche con quella curiosità un po’ irriverente con cui questa disciplina ha potuto (non senza difficoltà e correzioni in corsa) allargare il proprio campo di ricerca confrontandosi con nuovi linguaggi. Vedremo nel corso del capitolo i concetti chiave che hanno permesso alla semiotica strutturale di presentarsi oggi come lo strumento più idoneo all’analisi della significazione. Centrale in questo senso il concetto di testo, a cui arriveremo risalendo due strade. Da un lato ripercorreremo l’evoluzione che nel campo della sociologia della comunicazione ha portato alla formulazione del modello semiotico-enunciazionale. Dall’altro vedremo il cammino che in seno alla semiotica del testo di stampo strutturale ha fatto emergere la centralità del testo a scapito del segno e dei codici, in una logica scientifica che individua nell’analisi narrativa un efficace strumento di analisi. In entrambi i casi, come abbiamo detto, si è individuato nel testo il campo in cui si gioca la partita della comunicazione. Vedremo poi gli altri due pilastri teorici su cui basiamo il nostro lavoro. Il primo è rappresentato dall’insieme degli strumenti analitici proposti da Greimas per l’analisi del testo di stampo strutturale. Il secondo corrisponde invece al concetto di semiosi illimitata: nei paragrafi ad esso dedicati daremo una sua definizione cercando di rintracciare la sua presenza all’interno delle diverse correnti semiotiche.

Anteprima della Tesi di Federico Bettello

Anteprima della tesi: I fatti e la loro messa in scena: due casi di informazione televisiva a confronto, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federico Bettello Contatta »

Composta da 315 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2570 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.