Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una proposta di formazione attiva in ambito ricettivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

III PREFAZIONE La gestione di strutture che forniscono ospitalità al pubblico occupa una posizione centrale nell'industria turistica. La nuova Legge Quadro 1 definisce Imprese Turistiche quelle che “esercitano attività economiche organizzate per la produzione, la commercializzazione e la gestione di prodotti, di servizi, tra cui gli stabilimenti balneari, d'infrastrutture e d'esercizi, compresi quelli di somministrazione, facenti parte dei sistemi turistici locali, concorrenti alla formazione dell’offerta turistica”. Tra le imprese ricettive quelle alberghiere costituiscono il principale tipo e, da un punto di vista produttivo, si distinguono dalle altre per la continua apertura al pubblico e per l’utilizzo di uno stabilimento di produzione del servizio costituito da uno o più edifici al cui interno vi sono camere arredate per il pernottamento, servizi igienici e alcune parti d’uso comune. Con riferimento alla classificazione delle strutture ricettive, la Legge di “Riforma della Legislazione Nazionale del Turismo” attribuisce alle Regioni – a differenza di quanto stabilito in passato – piena autonomia nella definizione dei criteri di classificazione delle strutture ricettive. Ciò nonostante, è previsto che le stesse Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano predispongano d'intesa un sistema unitario di classificazione delle attività ricettive, stabilendo criteri e standard minimi comuni per i differenti prodotti e servizi turistici 2 , definendo concordemente gli elementi per determinare la qualità delle camere d'albergo e il periodo di tempo necessario per consentire l'adeguamento delle strutture esistenti. 1 Legge 29 marzo 2001, n. 135 di “Riforma della Legislazione Nazionale del Turismo”. 2 Art. 1, lett. B. Sub 1, dell’Accordo tra Stato, Regioni e Province autonome, che costituisce parte integrante del d.p.c.m. 13 settembre 2002.

Anteprima della Tesi di Antonio Gaeta

Anteprima della tesi: Una proposta di formazione attiva in ambito ricettivo, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Gaeta Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1561 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.