Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli statuti del vicariato del Podere Fiorentino: Palazzuolo (1406) e Firenzuola (1418)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Pluralità delle forze politiche che concorrono alla sovranità. Nel corso del Trecento vengono emanate un complesso di norme che rendono pluralistica la partecipazione al governo. Questo pluralismo si concreta in diversi campi della vita dello Stato. Nell’ambito elettorale le recate, la la preparazione degli elenchi per gli eleggibili per lo squittino, vengono predisposte con elenchi diversi dalle compagnie del popolo, dalle arti e dalla parte guelfa, e il vasto complesso collegiale che procede al voto di tutti i cittadini compresi nelle recate, lo squittino, dal 1361 è composto da uomini facenti parte di tutte le forze politiche. Nello squittino è minima l’autorità del priorato e gonfaloniere. Il voto di ogni membro di questo consesso vale quanto quello di un priore o del gonfaloniere di giustizia e tutti coloro che hanno superato il voto dello squittino e i cui nomi, scritti in cedole, vengono compresi nelle borse, sono appartenenti ad almeno una delle tre forze politiche. Per la ripartizione degli incarichi gli uffici vengono assegnati tutti a veri guelfi, ripartendoli in base alle arti e ai quartieri. Vi è poi la partecipazione all’azione di governo; dalla metà del Trecento si fa sempre più frequente l’uso di sentire un console per arte, o i consiglieri della mercanzia, la parte guelfa e i sedici gonfalonieri delle compagnie del popolo, su tutte le questioni eccedenti l’ordinaria amministrazione.

Anteprima della Tesi di Luigi Lauro

Anteprima della tesi: Gli statuti del vicariato del Podere Fiorentino: Palazzuolo (1406) e Firenzuola (1418), Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luigi Lauro Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 515 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.