Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Integrazione tra una banca on line ed una rete di promotori finanziari, il caso Xelion

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Xelion : l’integrazione tra una virtual bank e una rete di Promotori Finanziari Master in gestione dei Servizi 3 Edizione Modena 17/12/2003 Cesare Carlini 2 L’integrazione tra una Virtual Bank e una rete di Promotori Finanziari Il caso Xelion Banca Il Promotore Finanziario La figura del Promotore finanziario è stata introdotta nel sistema finanziario italiano dalla legge 1/1991 (legge 2 gennaio 1991 n.1 Disciplina dell’attività d’intermediazione mobiliare e disposizioni sull’organizzazione dei mercati mobiliari), definendolo come l’unico soggetto di cui gli intermediari possono avvalersi per l’offerta dei propri servizi fuori delle proprie sedi. L’esercizio di tale attività presuppone l’iscrizione ad un albo nazionale previo il superamento di un esame le cui sessioni si tengono periodicamente su base regionale, a cura di commissioni, di nomina Consob, istituite presso le Camere di commercio dei capoluoghi. Attualmente l’attività del Promotore Finanziario è disciplinata dal Testo unico della finanza e da una serie di regolamenti Consob, a quest’ultima è anche demandato il controllo sui Promotori che, in caso di non ottemperanza alla normativa, possono incorrere in sanzioni come la sospensione o la radiazione dall’albo. La legge sopra citata ha tenuto conto anche delle forme in cui l’attività che si è voluto disciplinare si era concretamente sviluppata e delle potenzialità e dei limiti che aveva espresso. In passato, operatori assimilabili ai Promotori Finanziari agivano per conto di società, prevalentemente costituite in forma di fiduciaria, che commercializzavano prodotti finanziari ed assicurativi con il sistema “a porta a porta” (al personale commerciale del quale le reti di vendita si avvalevano erano attribuite varie denominazioni; la più diffusa era quella di “Consulente finanziario”) Queste aziende erano espressione di categorie imprenditoriali di varia natura, che comprendevano grandi istituzioni

Anteprima della Tesi di Cesare Carlini

Anteprima della tesi: Integrazione tra una banca on line ed una rete di promotori finanziari, il caso Xelion, Pagina 1

Tesi di Master

Autore: Cesare Carlini Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1404 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.