Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rivisitando Michel Leiris: analisi storico-culturale di un autore tra le due guerre

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Introduzione Perché Michel Leiris? Il percorso attraverso il quale sono arrivata alla conoscenza dell’autore è nato anni or sono da un’esperienza individuale, in particolare da una lettura indipendente dai miei studi universitari: L’âge d’homme. 1 Questo testo, dichiaratamente autobiografico, mi aveva impressionato per la facilità con cui Leiris riuscisse ad indovinare parole tanto efficaci e rigorose nel tentativo di descriversi. Scorrendo le pagine, i miei occhi curiosi si imbattevano in un intimo autoritratto psicologico: l’autore da un’osservazione minuziosa di sé giungeva ad una totale devalorizzazione della sua persona. Quello che risultava era un’ aperta denuncia dei suoi difetti. Leiris non si riconosceva alcuna qualità, né fisica, né morale, manifestando un palese complesso di inferiorità. Questo incontro personale con il letterato Leiris in seguito si congiungerà ai miei studi universitari. Infatti, con mio grande stupore ritrovai lo stesso autore all’interno del manuale di antropologia culturale, 2 poche righe all’interno di un capitolo intitolato “l’antropologia e la ricerca sul campo”: 3 “scrittore legato in un primo momento al movimento surrealista, seguì Griaule nella spedizione Dakar-Djibuti del 1931, la quale contribuì a dare agli studi etnologici e di africanistica in particolare, vasta risonanza anche presso il grande pubblico dei non specialisti. Egli ci ha lasciato un’opera di grande rilievo per l’antropologia ed i problemi epistemologici ad essa correlati: L’Afrique fantôme del 1934”. 4 1 Michel Leiris, “L’âge d’homme”, Gallimard, Paris 1973 (ed. or. 1939) 2 Ugo Fabietti (a cura di): “Alle origini dell’antropologia”, Boringhieri, Torino 1980. 3 Op. cit., p. 173. 4 Michel Leiris, “L’Afrique fantôme”, Gallimard, Paris 1934.

Anteprima della Tesi di Alessandra Pasi

Anteprima della tesi: Rivisitando Michel Leiris: analisi storico-culturale di un autore tra le due guerre, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Alessandra Pasi Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1293 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.