Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'insider trading: la realtà italiana a confronto con le principali realtà estere

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Secondo alcuni, l’informazione si qualifica come bene pubblico puro, essendo al tempo stesso non escludibile e non divisibile. 5 L’indivisibilità è legata al fatto che ogni individuo può utilizzare il bene senza sostenere alcun costo aggiuntivo. La non escludibilità, invece, discenderebbe dalla difficoltà di circoscrivere la cerchia di soggetti che possono appropriarsene dietro pagamento di un prezzo, ovvero dalla difficoltà di applicare vincoli di riservatezza a carico del suo produttore/scopritore. L’applicazione di questo risultato all’offerta d’informazione conduce al paradosso esposto nel noto contributo di Grossman e Stiglitz [1980] 6 in base al quale, nel caso dell’estremo in cui i prezzi riflettono completamente l’informazione privata, ossia il mercato azionario è connotato da efficienza informativa forte, nessun agente è disposto a sostenere i costi necessari per l’acquisizione dell’informazione stessa. Sul versante opposto si collocano coloro che non riconoscono all’informazione la proprietà della non escludibilità e della non divisibilità. L’accesso può essere circoscritto, con la conseguenza che è possibile appropriarsi dei vantaggi che scaturiscono dal suo impiego prima che la notizia divenga pubblica. Inoltre, sebbene un individuo sia in grado di usare la medesima informazione senza sostenere alcun costo di produzione aggiuntivo, i relativi benefici svaniscono man mano che il meccanismo degli scambi ne determina l’assorbimento nei prezzi, ossia al crescere del numero di detentori del bene. Sulla base di queste argomentazioni, dunque, l’informazione non sarebbe un bene pubblico. 7 Se riconosciamo 5 Così, KRAWIEK, “Fairness, Efficiency and Insider Trading: Deconstructing the Coin of the Real in the Information Age”, in North Western University Law Review, 2001. 6 La dimostrazione del “paradosso dell’informazione” è opera di Grossman-Stigliz, “On The Impossibility of Informationally Efficient Markets”, in CARBONE, “Tutela civile del mercato e insider trading”, 1993, p.66. 7 Così, EASTERBROOK-FISCHEL, “The Economic Structure of Corporate Law”, in Harvard University Press, 1991.

Anteprima della Tesi di Paolo Maggiore

Anteprima della tesi: L'insider trading: la realtà italiana a confronto con le principali realtà estere, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Maggiore Contatta »

Composta da 243 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3591 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.