Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Questo non deve più essere inteso come un fenomeno circoscritto, una manifestazione estemporanea. Si tratta, piuttosto, di una caratteristica della nostra epoca: è la progressiva tendenza alla materializzazione – reificazione – dell’immaginario nella realtà. Un complesso dispositivo integrato e diffuso costituito da immagini e da idee, che produce e regola le opinioni e il discorso pubblico. Questa dimensione dello spettacolo come principio costitutivo della società contemporanea è stato individuato, analizzato e descritto con straordinaria lungimiranza da Guy Debord nel 1967 ne “La società dello spettacolo” 1 . Questo mutamento, coinvolge più aspetti dell’azione sociale; si starebbe verificando un processo di cambiamento nello spazio mondo (Mattelart 1997). Tracce sempre più evidenti di questo processo possono essere lette anche dal punto di vista delle nuove forme dell’agire politico e della comunicazione tanto interindividuale quanto di massa. Questi tre livelli – rapporti sociali, politica, comunicazione – fino a meno di mezzo secolo fa erano sostanzialmente separati, una sorta di monadi, “centri rappresentativi” unici e attivi: la politica aveva il compito di governare e di effettuare le scelte normative, la società civile doveva rispettare tali norme ed infine i mezzi di comunicazione deputati ad informare e fare da tramite, appunto, tra società civile e politica. La società dello spettacolo abbatte le frontiere tra i tre livelli aprendo le monadi ad un continuo interscambio dialettico in cui lo spettacolo – inteso in una nuova accezione del termine – funge da comune denominatore. Lo spettacolo permea e struttura la società, la politica e le comunicazioni di massa. 1 Nel 1988 con i “Commentari alla società dello spettacolo”, tornerà sull’argomento per ribadire e confermare le sue tesi

Anteprima della Tesi di Matteo Di Fusco

Anteprima della tesi: Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Matteo Di Fusco Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3019 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.