Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 questo contesto, l’idea di fondo era che si potesse contrastare il dominio assolutistico dei sovrani e delle oligarchie aristocratiche denunciandone abusi, illeciti, eccessi e vizi mediante strumenti capaci di garantire la più ampia diffusione possibile dell’informazione (Gramsci 1991). Il secolo dei lumi non era passato invano: la consapevolezza che la libertà era raggiungibile solo tramite l’uso della ragione e della conoscenza era un imperativo all’interno dei circoli intellettuali. Questi presupposti fecero nascere, pur con sforzi notevoli, passando tra repressioni – non di rado violente – e censure frequenti, le prime testate giornalistiche. Il desiderio di contribuire alla nascita e poi allo sviluppo di sistemi democratici spinse giornalisti e redattori a considerare prioritaria la denuncia di violazioni e prevaricazioni da parte delle élite di potere. Il fortissimo potere di cui godevano questi giornali nel coinvolgere l’opinione pubblica fu subito notato da quelle che erano le vittime della loro azione. Dopo aver a lungo tentato invano di imbavagliare la ‘voce dei senza voce’ con impedimenti, che spesso superavano il limite del legale, le istituzioni politiche e le corporazioni finanziarie hanno “saltato il fosso” sfruttando esse stesse, a proprio beneficio, il potere dei giornali (Murialdi 1996). I gruppi imprenditoriali hanno incominciato ad acquistare testate giornalistiche ovvero a fondarne di nuove, imponendo una linea editoriale congeniale ai propri interessi e, con lo stesso intento, i governi hanno costituito appositi uffici stampa in grado di selezionare le notizie da fornire ai media. Inizia così il declino di quell’idea di giornalismo militante, critico, capace di inchieste scomode che costituiva il motivo fondatore del mondo giornalistico. La diffusione di nuove tipologie di giornali – newsmagazine, tabloid, settimanali, mensili, etc. – e il parallelo sviluppo

Anteprima della Tesi di Matteo Di Fusco

Anteprima della tesi: Metamorfosi della politica e la categoria dello spettacolo in Debord, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Matteo Di Fusco Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3019 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.