Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Romanzo e parodia nel Settecento. Tra Don Chisciotte e la Pamela Vogue

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo II DON CHISCIOTTE E IL SETTECENTO 1) Don Chisciotte Don Chisciotte è un’opera cardine nella storia del romanzo. Una sorta di manuale della passione romanzesca. Racconta cosa può succedere nella mente di un avido lettore se i libri, la verità romanzesca, prendono il sopravvento nella percezione della realtà. Don Chisciotte è diventato anche una formula, una forma narrativa che si è trasformata in un esempio continuamente imitato 3 per mettere in scena personaggi smarriti in un mondo fantastico, proiezione della propria cultura. Cervantes aveva preso a modello la letteratura più in voga del suo tempo: quella cavalleresca, vera epitome d’una lunga epoca connotata socialmente e culturalmente, prosaicizzandola in una gustosa parodia, sfidandola sul suo stesso terreno. 2) Don Chisciotte e la nascita del romanzo Secondo la famosa definizione hegeliana (Estetica) il romanzo è “la moderna epopea borghese”. Una formulazione che attesta l’epica come la forma letteraria originaria, anche fondante l’identità nazionale, e, il romanzo, un genere secondario, derivato, che aspira inutilmente alla ricomposizione di una totalità perduta. L’epica è sempre stata narrazione ispirata a nobili azioni, a un mondo maschile di guerra ed eroismo, spazi aperti e popoli che combattono. Il romanzo nasce, invece, sull’onda del progressivo affermarsi di una nuova classe, quella borghese, attenta alla realtà (economica) delle cose, agli spazi chiusi della proprietà e della casa. Se l’epica era nelle origini narrazione orale collettiva, il romanzo sembra nascere in una dimensione domestica e, per di più, dal consumo eminentemente femminile. Nello stesso tempo, se l’epica è il primo dei generi narrativi a formarsi, con uno statuto rigido pressoché 3 Tanto da arrivare all’estremistica definizione di Lionel Trilling: “It has been said that all philosophy is a footnote to Plato. It can be said that all prose fiction is a variation on the theme of Don Quixote”. Lionel Trilling, Manners, Morals and the Novel, p. 73.

Anteprima della Tesi di Davide Magnisi

Anteprima della tesi: Romanzo e parodia nel Settecento. Tra Don Chisciotte e la Pamela Vogue, Pagina 4

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Lingue e Tradizioni Culturali Europee

Autore: Davide Magnisi Contatta »

Composta da 377 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5769 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.