Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consumatore etico e solidale: prospettive e sviluppo di un nuovo stile di vita tra realtà e utopia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 Un altro tipo di lotta intrapresa contro le multinazionali durante gli anni novanta, a seguito di un consistente aumento del potere delle grandi aziende transnazionali, riguarda lo sfruttamento minorile e dei lavoratori in generale. Un caso emblematico è quello della Nike: 12 nel 1996 la rivista Life pubblicò le fotografie di bambini pakistani molto piccoli, pagati meno di 6 centesimi l’ora, ricurvi su palloni da calcio con l’inconfondibile marchio Nike. Non esistono statistiche complete sul lavoro minorile, nella gran parte dei casi i governi e i datori di lavoro si rifiutano di ammetterne l’esistenza, o non compiono rilevazioni statistiche ufficiali. Secondo stime dell’UNICEF il numero di bambini lavoratori nel mondo oscilla intorno ai 211 milioni. 13 L’impiego di manodopera minorile, in molte zone è tollerato perché funzionale al sistema economico nazionale, che diventa così più competitivo e attira capitali esteri. I bambini costretti a lavorare pagano spesso lo scotto di politiche economiche miopi, attuate in paesi costretti a far fronte ai numerosi debiti contratti. A fronte di questa complessa ed estesa realtà, l’UNICEF interviene, in collegamento con le organizzazioni non governative locali e con gli uffici nazionali dell’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) con due tipi di azioni: da un lato programmi di sostegno all’economia familiare, che rendano meno necessario il ricorso al lavoro dei più piccoli, dall’altro interventi a favore dei bambini lavoratori, per tutelarli (anche legalmente) e per garantire loro la possibilità di andare a scuola o ricevere un’istruzione professionale. Non è comunque possibile che il lavoro minorile scompaia dal mondo oggi, e neppure domani. Crisi economiche, conflitti, spostamenti di popolazione per cause naturali e non, creano continuamente nuovi spazi per lo sfruttamento economico dei più piccoli. 12 Cfr a N. Klein, No logo, Cresce il malumore, Baldini e Castoldi, Milano, 2000. 13 Questi dati e i seguenti sul lavoro minorile sono stati tratti dal sito www.unicef.it.

Anteprima della Tesi di Silvia Brusadelli

Anteprima della tesi: Il consumatore etico e solidale: prospettive e sviluppo di un nuovo stile di vita tra realtà e utopia, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Silvia Brusadelli Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5478 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.