Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consumatore etico e solidale: prospettive e sviluppo di un nuovo stile di vita tra realtà e utopia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 2. Le tappe del cambiamento nella società dei consumi Lo stile di vita improntato sui consumi è nato negli Stati Uniti, nel momento di abbondanza iniziato dopo la Seconda Guerra Mondiale, e si è notevolmente sviluppato nel corso del tempo, tanto che oggi, nei paesi industrializzati, il consumo permea anche i valori sociali. Per molti è diventato una necessità imprescindibile, ma non sempre consumare crea benessere reale per gli individui: ognuna delle fasi del ciclo di vita dei prodotti (la produzione, la distribuzione, l’uso e l’eliminazione del prodotto stesso) può causare danni a se stessi o agli altri. Queste considerazioni mostrano come esistano delle implicazioni etiche nelle scelte di consumo, e come l’acquisto di prodotti apparentemente banali e innocui possa influire su di noi e sul contesto. Affinché venissero rispettati dalle imprese gli elementi basilari per la conservazione della dignità e dei diritti umani, i consumatori, nel corso del novecento, hanno intrapreso diverse battaglie, che hanno preso forme e direzioni diverse andando a coprire numerosi aspetti del consumo e del rapporto che gli individui hanno con esso. Negli anni venti, in America, con la nascita del supermercato 2 e la crescita dei negozi a libero servizio, venne messa in luce la necessità dei consumatori di avere notizie precise sulle caratteristiche e sulla provenienza dei prodotti che acquistavano. Il movimento consumerista ha avuto origine proprio a partire dall’assoluta mancanza d’informazione ai consumatori, che impediva di effettuare scelte consapevoli. Lo scopo era, ed è ancora oggi, sopperire alla carenza di rappresentanza istituzionale, per unire e canalizzare le proteste ancora sparse e disunite. Gli individui si ponevano innanzitutto l’obiettivo di tutelare i propri interessi e la qualità dei prodotti che le aziende immettevano (e immettono) sul mercato e di 2 In Italia il primo supermercato (Esselunga) fu aperto nel 1957, a Milano.

Anteprima della Tesi di Silvia Brusadelli

Anteprima della tesi: Il consumatore etico e solidale: prospettive e sviluppo di un nuovo stile di vita tra realtà e utopia, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Silvia Brusadelli Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5478 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.