Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modellizzazione Numerica dell'Intrusione Salina nell'Acquifero Costiero del Fiume Cecina

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Parte I I.1.EMERGENZA ACQUA.doc 13 agricoltori ad irrigazioni massicce, con prelievi di acqua in falda, o nei corpi idrici superficiali, quasi sempre dannosi all’equilibrio ambientale. Oltre al prosciugamento di pic- coli corsi di acqua, tale eccessivo consumo idrico determina un forte abbassamento delle falde sotterranee e, lungo le coste, un avanzamento dell’acqua marina, con effetti sterilizzanti sul suolo e desertificazione. In Italia sono toccati dal fenomeno della desertificazione ben 16.100 km 2 di territorio, ossia il 5,35%. Ma, secondo l’UE, il 27 % del territorio italiano è a rischio e in particolare in Sicilia (47% del territorio a rischio), Puglia (60%), Sardegna(32,2%) e Basilicata (54%) (dati Enea). La desertificazione implica la degradazione della terra in aree aride e semi-aride, con una riduzione della capacità del suolo di catturare acqua, aumento dello scorrimento superficiale, aumento dell’instabilità di versanti, riduzione del volume di vapore che torna all’atmosfera dalla traspirazione delle piante e, di conseguenza, mutamento del clima. Il primo responsabile della carenza idrica nel mondo, oltre ai mutamenti climatici (effetto serra e desertificazione), è il degrado della qualità della acque. La riserva idrica è impoverita dallo sfruttamento delle falde acquifere, dalla incapacità delle stesse di rigenerarsi, dalla cattiva gestione delle acque di scarto e dalla contaminazione delle stesse con sostanze chimiche e scorie. Un metro cubo di acqua inquinata è in grado di contaminare rapidamente oltre 10 metri cubi di acqua pulita: si calcola che nelle riserve idriche, che in teoria dovrebbero essere utilizzabili, abbiamo reso imbevibili 12 mila chilometri cubi di acqua, una quantità che supera quella contenuta nei bacini dei dieci più grandi fiumi del mondo. Altro fattore di riduzione della disponibilità dell’acqua è costituito dalle opere artificiali di sbarramento e deviazione del 60% dei maggiori fiumi del pianeta. Viene alterato l’ecosistema fluviale, impedito il deflusso regolare dell’acqua e dei sedimenti, con effetti devastanti sugli equilibri del sistema idrogeologico e del ciclo naturale dell’acqua. Secondo l’indagine dell’UNEP, le falde acquifere sotterranee diminuiscono ogni anno da tre ai trenta metri. Inoltre, nelle zone costiere, quando le falde iniziano a seccarsi, l’acqua marina penetra nell’entroterra e le contamina, rendendole inutilizzabili in modo irreversibile. Se la salinità delle acque superficiali aumenta, si verifica una degradazione del suolo. Le derrate agricole possono essere sostituite da quelle meno sensibili alla salinità ma, se neanche queste resistono, si va incontro alla migrazione in massa delle popolazioni costiere verso terre interne più fertili con possibili disordini sociali.

Anteprima della Tesi di Nadia Antonella Genovese

Anteprima della tesi: Modellizzazione Numerica dell'Intrusione Salina nell'Acquifero Costiero del Fiume Cecina, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Nadia Antonella Genovese Contatta »

Composta da 369 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3854 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.