Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il project financing e l'alta velocità/capacità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il Project Financing e l’Alta Velocità/Capacità di Marco Monaco 5 l’importanza di una partnership tra pubblico e privato per l’ottenimento di maggiore efficacia ed efficienza nella realizzazione di opere di pubblica utilità. A conclusione di questo elaborato viene trattato quello che nel ’91 è stato presentato come il primo grande esempio di applicazione di project financing per la realizzazione di un’opera di pubblica utilità, il progetto Treno Alta Velocità (T.A.V.). Negli anni ’70 e ’80 la domanda di trasporto su percorsi medio-lunghi è cresciuta in Italia del 70% per le persone e 80% per le merci. La nuova domanda si è indirizzata in modo particolare verso la strada che movimenta oggi l’86% delle persone e l’80% delle merci trasportate via terra. Sulla base di questi dati è sembrata quasi una necessità cercare di trasferire su ferrovia quota rilevante della domanda di trasporto su strada. Unitamente a ciò si è cercato anche di sviluppare una rete di collegamento tra grandi nodi di comunicazione: aggregazioni urbane, impianti interportuali e portuali, aeroporti. Come mettere in atto tutto ciò tenendo presente la limitata disponibilità delle risorse finanziarie dello Stato? La realizzazione del Tunnel sotto la Manica e del sistema dell’alta velocità francese (TGV), attuate ricorrendo a meccanismi di project financing, sono apparse come un invitante modello da seguire. L’applicabilità in Italia di tale tipologia sembrava la soluzione ai problemi di scarsità di fondi stanziabili dallo Stato, ma allo stesso tempo le incognite alla sua attuazione si presentavano molteplici e consistenti. Innanzitutto la mancanza di esperienza riguardo la finanza di progetto da parte degli operatori economici presenti in Italia costituiva un aspetto importante da non sottovalutare. Poi l’elemento di maggior apprensione rappresentato dalla struttura del sistema giuridico italiano ben lontano dagli schemi di common law anglosassone in cui è sorto il project financing. Una soluzione però doveva essere trovata e così si è pensato di ricorrere per quanto riguarda il progetto dell’Alta Velocità ad una forma mista di finanziamento pubblico-privato, con una partecipazione dello Stato di circa il 40% ed un contributo del settore privato del 60%. Negli anni a seguire questo progetto ha conosciuto diversi cambiamenti tanto che nel 1997 sono stati riformulati gli obiettivi giungendo a modificare il nome da Alta Velocità ad

Anteprima della Tesi di Marco Monaco

Anteprima della tesi: Il project financing e l'alta velocità/capacità, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Monaco Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2746 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.