Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzo di tecnologia GIS per l'analisi di alpeggi e malghe in Alta Valtellina

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 elementi caratteristici di questo paesaggio sono i substrati detritici, prevalentemente di rocce cristalline acide, con varia disponibilità di acqua, i suoli relativamente evoluti, ma di spessore diverso, la vegetazione forestale e la vegetazione antropica di sostituzione. Il paesaggio del pino silvestre Il pino silvestre (Pinus sylvestris) è molto abbondante nelle valli alpine con orientamento est-ovest, perché in grado di sopportare le condizioni climatiche più calde e aride, che invece limitano la crescita delle latifoglie. Per questo motivo la Valtellina è stata denominata dai botanici “valle del Pino silvestre”. In provincia di Sondrio il pino silvestre è diffuso lungo tutto il versante della Valtellina fino al Bormiese, sebbene in modo discontinuo e con pochi esempi di pinete tipiche. Queste, infatti, derivano da rimboschimenti appropriati nel paesaggio delle latifoglie o in quello dell’abete rosso. Pinete con carattere più naturale si conservano su substrati basici; un buon esempio è rappresentato dalle pinete con erica del Bormiese.

Anteprima della Tesi di Sonia Bonacina

Anteprima della tesi: Utilizzo di tecnologia GIS per l'analisi di alpeggi e malghe in Alta Valtellina, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Sonia Bonacina Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3277 click dal 27/04/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.