Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

«Impressionisti. Da Corot a Renoir»: uno studio sul pubblico della mostra sugli impressionisti di Brescia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Essa è espressione dell'agire umano e della sua capacità creatrice ed inventiva ed eleva l'essere umano verso un tipo di produzione che, nella sua forma più pura, non è utilitaristica: l'espressione artistica ha lo scopo di creare oggetti che suscitino un effetto estetico e che non abbiano un valore d'uso 5 . 1.2 L'ambivalenza del fenomeno artistico Un altro elemento che rende particolarmente problematico il concetto di arte è la sua naturale ambivalenza nel rapporto con la società. Nella presentazione del libro di Danila Bertasio Immagini sociali dell'arte, Franco Crespi ha sostenuto che «l'arte è una forma di comunicazione diversa da tutte le altre che presenta una caratteristica ambivalenza nel fatto che essa è al tempo stesso sociale e a-sociale» ( 1998, p.8). L'arte è, infatti, un prodotto sociale, in quanto si sviluppa all'interno di una società ed è da essa influenzata in tutti i suoi aspetti: da quello della produzione a quello della ricezione. Sul versante della produzione assumono rilevanza elementi come l'origine sociale ed il contesto di formazione dell'artista, la presenza e le politiche seguite dalle istituzioni sociali del sistema artistico (come per esempio i musei o il Ministero per i Beni Culturali) e le funzioni svolte da altri attori sociali come i critici o i mecenati (Wolff, 1981, Melucci, 1997; Tota, 1997). 5 A tale proposito è interessante la visione di K. Marx il quale vede nell'artisticità il senso più alto di umanità in contrapposizione all'animale. Infatti, a suo avviso, mentre l'animale agisce solo sotto il dominio dell'impulso e del bisogno fisico immediato, l'uomo è in grado di produrre secondo un fine non utilitario, libero dagli impulsi e dal bisogno.

Anteprima della Tesi di Lucia Grassi

Anteprima della tesi: «Impressionisti. Da Corot a Renoir»: uno studio sul pubblico della mostra sugli impressionisti di Brescia, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Lucia Grassi Contatta »

Composta da 270 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5313 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.