Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Per un'analisi dell'arte-terapia. Riflessione e metodologie nel pensiero psicoanalitico: da Freud all'Art Therapy Italiana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 La risposta è nella necessità di avere una “definizione operativa” da ricercare negli studi psicoanalitici inaugurati dallo stesso Freud; inoltre è forte la convinzione che, anche negli scritti più antichi, le basi per uno sviluppo in senso arte-terapeutico erano state saldamente gettate. Gli stessi concetti di arte e di creatività sono spesso intuitivamente accostati, soprattutto nel linguaggio comune, perdendo forse il loro particolare riferirsi a condizioni che, per quanto vicine e interdipendenti, sono comunque sostanzialmente differenti. La psicoanalisi ha intuito questa sottile differenza separando il problema estetico, inteso come percezione e “sentimento” del bello, dal problema della natura stessa della creazione. L’arte-terapia probabilmente utilizza proprio la concezione della creatività psicoanaliticamente intesa per sondare, creare e raggiungere la condizione ottimale della terapia. E’ la creatività del paziente ad essere utilizzata in una duplice funzione strumentale: come mezzo privilegiato di svelamento dell’attività dell’inconscio e, in secondo luogo, come attività promotrice del cambiamento. Inoltre, anche attraverso la creatività viene favorita la nascita e l’instaurarsi del rapporto tra paziente e terapeuta, che rimane il mezzo più efficace di qualsiasi terapia psicodinamicamente orientata. Sempre facendo riferimento allo schema cronologico proposto da Corrao, si può notare che la psicoanalisi delle origini non ha fatto dello studio della “metapsicologia della creatività” e della sua “collocazione nel sistema psichico” il primario interesse nell’approccio all’arte. Sono stati soprattutto Ernst Kris nel 1952, Silvano Arieti nel 1976 e Hanna Segal nel 1991 ad affrontare in modo sistematico il problema: và da sé, quindi, che l’arte-terapia deve molto a questi autori non tanto sotto il profilo della tecnica terapeutica, ma per l’importanza della loro opera in direzione dello studio “metapsicologico” della creatività.

Anteprima della Tesi di Silvestro Calabrese

Anteprima della tesi: Per un'analisi dell'arte-terapia. Riflessione e metodologie nel pensiero psicoanalitico: da Freud all'Art Therapy Italiana, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Silvestro Calabrese Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16496 click dal 20/10/2005.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.