Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Popolo e la seconda richiesta di adesione della Gran Bretagna alla CEE

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

XIII “Il Popolo” non prese però in considerazione questa possibilità proposta da Brandt, consapevole del fatto che Wilson e la Gran Bretagna intera erano nettamente contrari a qualsiasi forma di legame differente dalla piena adesione alla CEE. Posteriormente al veto del Generale, il giornale, in linea con l’ azione del governo italiano, prese maggiormente in considerazione la possibilità di un diverso approccio alla questione al fine di non compromettere i rapporti con la Gran Bretagna e mantenere aperta la possibilità futura di forme diverse di collaborazione con i Paesi membri della CEE. L’ obiettivo principale della Germania federale rimaneva comunque portare avanti l’ Ostpolitik con l’ efficace sostegno della Francia. Accertato il fatto che nessuno sarebbe riuscito a smuovere De Gaulle dalla sua opposizione alla Gran Bretagna nel MEC, era opportuno evitare qualsiasi azione che potesse mettere a repentaglio l’ esistenza della Comunità stessa. Per questi motivi, il governo di Bonn iniziò una politica comunitaria tesa ad un rafforzamento delle istituzioni precedente precedere qualsiasi eventuale allargamento. Gustavo Selva così delineava il futuro della Germania in Europa: In queste condizioni, la Germania non può che pensare ad un obiettivo da perseguire con pazienza: migliorare la sua posizione all’ interno del Mercato comune (ecco come si spiega l’ insistenza sul rafforzamento della Comunità manifestata nel primo capoverso della dichiarazione franco - tedesca) e prepararsi così a raccogliere la “supremazia” francese nell’ Europa dei sei. Ma per arrivare a questo risultato occorre che l’ Europa resti una Europa a sei, altrimenti anche la Gran Bretagna diventerebbe un serio candidato a questo ruolo di primo attore 38 . 38 Cfr. “La Discussione” “Se De Gaulle alza un dito” n. 10 del 16/3/1968

Anteprima della Tesi di Massimiliano Maiello

Anteprima della tesi: Il Popolo e la seconda richiesta di adesione della Gran Bretagna alla CEE, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Massimiliano Maiello Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1884 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.