Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sostenibilità e libero scambio: l´impegno multilaterale per uno sviluppo eco-compatibile

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 delle infrastrutture. In altre parole, attraverso una migliore governance che garantisca un habitat sostenibile per l’homo urbanus. Come si è cercato di dimostrare, l’alchimia di degrado ambientale e povertà, unita all’incremento demografico, genera una situazione esplosiva per cui l’una alimenta l’altro e viceversa. Se è vero che la crescita economica può essere causa di alterazione dei sistemi naturali, è vero anche che lasciare larga parte del pianeta in uno stato di indigenza non è una risposta né morale né logica. Risulta quindi indispensabile sia prendere coscienza del carattere universale di questi problemi che travalicano in modo evidente i confini nazionali sia affrontarli congiuntamente. E’ necessario, in altre parole, risolvere con urgenza la questione della povertà senza riproporre il modello economico fin qui utilizzato, foriero di un eccessivo spreco di risorse e di ineguaglianze sociali inaccettabili. Occorre, da un lato, definire nuovi paradigmi che tengano conto dei limiti “fisici” e “naturali” della crescita economica: quest’ultima dovrebbe cessare di essere un obiettivo in sé per diventare strumento di una migliore qualità della vita. D’altro lato, la cooperazione internazionale deve orientare i propri sforzi alla ricerca di una risposta comune a questi problemi e al sostegno dei paesi meno avanzati. Il trasferimento di tecnologie socialmente ed ecologicamente compatibili, la creazione di capacità produttive in loco, la maggiore formazione e informazione facilitate dalla diffusione di Internet: questi potrebbero essere alcuni dei mezzi utilizzabili all’interno di una struttura istituzionale internazionale rinnovata, attualizzata e riequilibrata. 2.3 I LIMITI DELLA CRESCITA “Lo sviluppo umano è il fine, la crescita economica è il mezzo. Lo scopo della crescita economica dovrebbe essere, quindi, quello di arricchire l’esistenza delle persone. Troppo spesso questo non accade”. 11 Così cominciava il Rapporto sullo Sviluppo Umano del 1996, con l’obiettivo di criticare non la crescita in sé, quanto la sua struttura e la sua qualità, e di riaffermare la centralità dell’essere umano e dell’ habitat che lo circonda contro la pura legge del massimo profitto. Questo implica una presa di coscienza dei limiti 11 United Nations Development Programme, Human Development Report 1996, 1996.

Anteprima della Tesi di Monica Guarinoni

Anteprima della tesi: Sostenibilità e libero scambio: l´impegno multilaterale per uno sviluppo eco-compatibile, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Monica Guarinoni Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3478 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.