Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L' integrazione delle tecnologie informatiche nella didattica, un percorso fra testi, ipertesti, reti e sistemi intelligenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.3. La cultura manoscritta o chirografica Il merito di aver inventato la scrittura va ai Sumeri che si erano insediati nella Mesopotamia, più precisamente nella Babilonia meridionale (nel sud dell’attuale Iraq). Il metodo di scrittura da questi inventato fu chiamato cuneiforme poiché i suoi segni grafici erano composti da “cunei” disposti nelle forme più varie. Inizialmente la scrittura cuneiforme venne adottata per esigenze amministrative e contabili, solo più tardi fu utilizzata per raccontare eventi storici, religiosi e per le composizioni letterarie. Intorno alla metà del secondo millennio a.C., nel bacino orientale del mediterraneo i principali tipi di scrittura che venivano utilizzati erano i seguenti: la scrittura cuneiforme in Asia, la scrittura geroglifica nella sua variante chiamata “ieratico” in Egitto, la scrittura chiamata dagli studiosi “pseudo-geroglifico ittita” in Anatolia 2 .Fu in questo periodo che i Fenici, un popolo dedito al commercio che si era insediato sulle coste della Siria, introdusse una forma di scrittura che è stata definita un “sillabario senza vocali” 3 e che è stata la madre di tutti gli alfabeti del mondo. L'alfabeto fonetico inventato dai Fenici attorno al 1500 a.c. e perfezionato poco più tardi dai Greci con l'introduzione di una grafia specifica anche per le vocali, produsse sul linguaggio e le sue potenzialità effetti dilaganti: Esso determinò innanzi tutto una decontestualizzazione del linguaggio, reso totalmente artificiale ed arbitrario. Da allora in poi fu possibile trascrivere e trasmettere messaggi con un grado di chiarezza prima impensabile. Questa decontestualizzazione del linguaggio, cioè l'autonomia della forma di comunicazione dal contesto specifico in cui è stata prodotta e la sua riproducibilità in molteplici altri contesti, permise di superare forti limitazioni alla 2 Havelock 87. 3 Ibidem.

Anteprima della Tesi di Enrico Agabio

Anteprima della tesi: L' integrazione delle tecnologie informatiche nella didattica, un percorso fra testi, ipertesti, reti e sistemi intelligenti, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Enrico Agabio Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6526 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.