Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Struttura e mercato del Commercio Equo e Solidale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: Perché Commercio Equo e Solidale? 11 ξ Disuguaglianza ponderata tra paesi: tale concetto assume come principio base che ogni persona, all’interno di un paese, riceve lo stesso reddito o GDP pro capite. Tuttavia, il numero di individui presi come campione per ogni paese riflette la mole della popolazione. Quest’accezione di disuguaglianza continua ad essere tra paesi, perché compariamo il reddito medio di diverse nazioni. La differenza tra il primo ed il secondo concetto sta, quindi, nel fatto che il numero di ambasciatori per ogni paese è proporzionale alla sua stessa popolazione. Oltre a ciò null’altro differisce; ogni ambasciatore, infatti, porta idealmente con sé lo stesso biglietto su cui è annotato il reddito (o GDP) pro capite del proprio paese. In altre parole, tale concetto assume che all’interno del paese la distribuzione del reddito sia perfettamente uguale. Nonostante le sue evidenti lacune, il secondo concetto serve come mezzo per giungere alla reale distribuzione del reddito medio, dove la disuguaglianza è calcolata tra tutti gli individui del mondo. ξ Disuguaglianza mondiale reale: secondo cui non esistono più gli ambasciatori; al loro posto vengono schierati tutti gli individui, indipendentemente dal paese, dai più poveri ai più ricchi. Gli individui cinesi, ad esempio, non verranno più mescolati: ciò significa che i poveri cinesi saranno mescolati ai poveri africani, i ricchi cinesi con la classe media o con i ricchi americani. Certo, è ragionevole sostenere che sarebbe utopico voler considerare ad uno ad uno tutti i sei miliardi di individui che popolano il Mondo. Un modo per sopperire a tale difficoltà consiste nell’intervistare individui o famiglie (basati su un campione mondiale, assicurandosi, però, che il numero delle persone che compongono il campione sia proporzionale alla quantità della popolazione di ogni paese) ed allinearli dal più povero al più ricco

Anteprima della Tesi di Eliana Irato

Anteprima della tesi: Struttura e mercato del Commercio Equo e Solidale, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Eliana Irato Contatta »

Composta da 364 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7789 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.