Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Struttura e mercato del Commercio Equo e Solidale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: Perché Commercio Equo e Solidale? 6 1.1 Povertà e Disuguaglianza “Gli abituali dibattiti sul commercio sono dominati da conflitti ormai rituali tra due campi: i “globofili” ed i “globofobi”. I “globofili” sostengono che la globalizzazione degli scambi stia lavorando per i poveri. Le loro ricette per il futuro propongono di accelerare il corso degli attuali eventi. I “globofobi” rovesciano la prospettiva e sostengono che il commercio danneggia i poveri. La guerra di parole tra le due fazioni che accompagna ogni summit internazionale è assolutamente controproducente. Entrambe le visioni del mondo sfuggono la complessità delle evidenze empiriche e nessuna di esse offre speranze per il futuro”(OXFAM, 2002). I due concetti che vengono più comunemente sviscerati in relazione a tale dibattito sono la povertà e la disuguaglianza nella distribuzione mondiale del reddito. A questo punto, diventa estremamente importante effettuare una distinzione tra di essi. 1.1.1 Povertà Definiamo poveri coloro (individui o famiglie) che vivono al di sotto di determinate condizioni considerate accettabili (solitamente la soglia limite è 1$ americano al giorno 1 ). Nonostante la povertà costituisca un imprescindibile problema che tutt’oggi colpisce, in termini assoluti, 1,2 miliardi di persone in tutto il mondo, è doveroso sottolineare che la percentuale di popolazione al di sotto della soglia di povertà, dal 1980 al 1997, si è ridotta passando dal 25% al 20% 2 e che, nei paesi più poveri, la percentuale di popolazione al di sotto della soglia di povertà estrema è passata dal 50% al 24% dal 1950 ad oggi (Becchetti e Paganetto, 2003). 1 Tale soglia, definita anche “dollar-a-day line”,è stata ideata da Chen e Ravallion e coincide, più precisamente, con 1,08$ al giorno. 2 Per un’ analisi più precisa, è necessario considerare il lavoro condotto da Chen e Ravalion (2001) dal quale emerge che tale crescita si è verificata per tutte le aree geografiche ad eccezione dell’Africa sub-sahariana (da 46,6% a 48,1%), dei paesi dell’Europa dell’Est e dell’Asia centrale (da0,24% a 3,75%).

Anteprima della Tesi di Eliana Irato

Anteprima della tesi: Struttura e mercato del Commercio Equo e Solidale, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Eliana Irato Contatta »

Composta da 364 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7793 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.