Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Capitale Sociale e Crescita Economica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 (indice, quest’ultimo, ottenuto attraverso l’analisi fattoriale dei seguenti quattro differenti indici: lettura dei quotidiani, partecipazione ai referendum e alle urne, partecipazione alle associazioni culturali e a quelle sportive). Tra gli studi più importanti è possibile ricordare quelli di Putnam, Knack e Keefer, e Beugelsdijk e Van Schaik, relativi, comunque, a contesti economici differenti: venti regioni italiane nel primo caso, ventinove stati nel secondo, cinquantaquattro regioni europee, nel terzo. Ad esempio, Putnam, nel noto pionieristico studio relativo alle regioni italiane, dimostra come le regioni con un più alto grado di civicness presentino un dinamismo economico ed un’efficienza amministrativa maggiore rispetto a quelle con scarsa presenza di “virtù civiche”. In queste ultime, infatti, la mancanza di fiducia generalizzata determina un ethos negativo, che ostacola, impedendola, la cooperazione tra gli individui e conseguentemente la crescita economica del paese. Proprio la scarsità delle relazioni cooperative sarebbe- secondo Putnam- la causa oggettiva dell'arretratezza economica ed amministrativa del Mezzogiorno italiano. Un secondo filone di ricerca è impostato sull’analisi del capitale sociale a livello individuale, assumendo, cioè, quale unità di indagine, non più specifiche unità geografiche, ma il singolo individuo. Questo indirizzo prescinde dal difficile e spesso irrealizzabile compito di calcolare, soppesandoli, gli effetti positivi e negativi delle esternalità che si generano nel processo di aggregazione e, pertanto, da questo punto di vista, risulta essere scevro da quell’errore caratteristico dell’approccio aggregato, determinato dalla difficile misurazione delle esternalità. Infine, il capitale sociale viene esaminato a livello finanziario e politico-istituzionale, tentando di stabilire se ed in quale misura il capitale sociale influenzi, da un lato, lo sviluppo del mercato finanziario, dall’altro la qualità del governo. ***

Anteprima della Tesi di Francesco Baratella

Anteprima della tesi: Capitale Sociale e Crescita Economica, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Baratella Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7129 click dal 28/04/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.