Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riferimenti Teorici e Strumenti alla base del Value-based Management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. Il value based management e il valore economico 16 1.4 Il Value based Management 1.4.1 Introduzione al Value Based Management nel confronto tra shareholders e stakeholders Assumere la prospettiva degli azionisti nel calcolo del valore economico fa nascere dei problemi nel momento in cui tale logica fosse concepita come esclusiva, anche a scapito degli interessi degli altri stakeholders aziendali. In realtà, il valore per gli azionisti – in una prospettiva di breve e di medio-lungo periodo – deve coniugarsi con il soddisfacimento delle attese dei clienti, del personale, dei partners, delle comunità locali e di tutti gli altri eventuali portatori di interessi (o stakeholders), dal cui consenso e dai cui contributi dipende il funzionamento aziendale e, quindi, la produzione di valore economico. Il compito del management diventa quindi principalmente quello di coniugare due principali tipologie di interessi in gioco: in primis la contrapposizione shareholder- stakeholder, inoltre vi sarà il problema di una crescita sostenibile dell’impresa nel tentativo che questa non distrugga valore sociale. Questo deriva essenzialmente dal naturale deficit definito dalla agency theory, ovvero la “teoria dell’agente”. All’interno di un’impresa si è sempre assistito ad uno scontro tra i vari interessi che risultano coinvolti nell’ambiente dell’organizzazione, e proprio per tale principio è stata (e lo è tuttora) fondamentale la divisione organizzativa, ed in particolare la divisione tra gestione e proprietà: questo è sempre stato visto come un principio cardine di forma efficiente di organizzazione (FAMA, 1980). E’ innegabile che tale situazione comporti però dei conflitti interni e lotte di potere spesso nocivi all’intera azienda. La agency theory focalizza il suo studio sulla relazione tra l’agente (manager) e il principale, che a seconda degli interessi che vogliamo analizzare assumerà la forma di shareholder, stakeholder, crescita sociale… Tale relazione nasce dall’obbligo di soddisfare interessi reciproci legati a rapporti di tipo economico. Ma proprio perché sono soggetti diversi, con diverse aspettative e vedute, si crea una sovrapposizione di interessi e questo risulta da due cause distinte: l’agency problem appunto, e il problema di risk sharing, ovvero il rischio

Anteprima della Tesi di Alberto Zanatta

Anteprima della tesi: Riferimenti Teorici e Strumenti alla base del Value-based Management, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Zanatta Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2903 click dal 04/05/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.