Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riferimenti Teorici e Strumenti alla base del Value-based Management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. Il value based management e il valore economico 15 un peso all’azione e tra queste citiamo l’aspettativa di dividendi futuri, le dinamiche del settore di appartenenza e del sistema economico in generale 2 . A questo punto si rende necessaria una precisazione riguardo le diverse finalità della figura dell’azionista. Principalmente gli azionisti possono essere divisi in due categorie: gli speculatori e i cassettisti 3 . Nel caso di azionisti speculatori tutto il discorso fin qui effettuato riguardo alla creazione di valore nel lungo periodo come visione della politica aziendale avrà un peso molto limitato. In questo caso, infatti, l’unico interesse dello speculatore sarà quello di avere un ritorno economico nel più breve tempo possibile. La sua analisi sarà basata essenzialmente sul trend positivo borsistico dell’azione, sulla capacità dell’azienda di massimizzare l’utile nel breve periodo per far salire nel breve tempo il valore dell’azione stessa: in sostanza non si sentirà proprietario di un’impresa ma semplice sfruttatore della sua ricchezza prodotta, e tale ricchezza sarà evidente quanto più il prezzo dell’azione tenderà a salire nel breve periodo. Nel caso invece di un cassettista il valore economico realizzato non potrà prescindere dall’analisi più specifica dei rischi connessi ad esso. In particolare ci riferiamo al rendimento minimo atteso, ovvero il costo del capitale azionario (k e ) che viene definito come il tasso di redditività che il mercato si attende per gli investimenti in capitale di rischio. Il costo del capitale proprio nasce come somma del risk free rate e del market risk premium. L’investitore quindi avrà convenienza a mantenere nel suo portafoglio di lungo periodo quell’azione il cui rendimento sarà maggiore del costo del capitale impiegato. 2 Il prezzo dell’azione incorpora quindi non solo il valore intrinseco attuale dell’impresa, ma anche l’aspettativa di crescita futura, i dividendi attuali e l’aspettativa sui dividendi futuri. 3 Il termine “cassettista” indica chi opera in Borsa al fine di un durevole investimento.

Anteprima della Tesi di Alberto Zanatta

Anteprima della tesi: Riferimenti Teorici e Strumenti alla base del Value-based Management, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Zanatta Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2904 click dal 04/05/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.