Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impiego delle nuove tecnologie per la promozione dell'esercizio cinematografico in Europa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 I.1 LO SVILUPPO DEI MULTIPLEX I multiplex rappresentano la nuova generazione dei complessi cinematografici. Fino ad ora non è stata ancora formulata una definizione di “multiplex” che sia condivisa in tutti i paesi e questo provoca che termini come multisala 2 , multischermo, multiplex, megaplex e mega schermo vengano usati indifferentemente per indicare i complessi con più schermi che sono e stanno progressivamente nascendo. Queste definizioni inoltre, essendo usate in modo interscambiabile, causano confusione e incomprensioni sia tra il pubblico dei non addetti che tra i professionisti del settore. La pluralità di schermi in un solo sito, che è l’elemento di differenziazione più evidente rispetto alla sala tradizionale (monosala), non può essere sufficiente per accomunare in un’unica tipologia strutture differenti tra loro, cui spesso corrisponde una diversità di servizi offerti al pubblico. I criteri più facilmente individuabili per distinguere i vari tipi di strutture possono essere la presenza di servizi accessori, per esempio il parcheggio o la ristorazione, e la progettazione specificamente orientata ad una pluralità di schermi. Guardando al processo di trasformazione che negli ultimi trent’anni ha interessato, con modalità diverse, il parco sale di tutti i paesi europei, quest’ultimo criterio ha un’importanza fondamentale. Sia le strutture nate dal frazionamento di un cinema monoschermo sia quelle progettate specificamente consentono di offrire al pubblico una maggiore scelta di film, in termini di economia di scala e di flessibilità alle variazioni della domanda, ma la progettazione specifica è meglio rispondente agli obiettivi (per esempio la cabina di proiezione può essere unica per più sale, le dimensioni delle sale possono essere modulate in modo da soddisfare anche la coda della domanda, ecc.). É perciò logico e motivato usare il termine “multisala” per le strutture ottenute dal frazionamento e porre come condizione necessaria per identificare un multiplex o un megaplex la progettazione specifica 3 . 2 In base alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 12 novembre 1998 per multisala s’intende “l’insieme di due o più sale cinematografiche adibite a programmazioni multiple accorpate in uno stesso immobile sotto il profilo strutturale e tra loro comunicanti”. Per sala cinematografica s’intende “uno spazio al chiuso dotato di uno schermo, adibita a pubblico spettacolo cinematografico”. 3 Cfr. MEDIA Salles, European Cinema Yearbook - 2002 edition.

Anteprima della Tesi di Sara Maria Cipolla

Anteprima della tesi: L'impiego delle nuove tecnologie per la promozione dell'esercizio cinematografico in Europa, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sara Maria Cipolla Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1848 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.