Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle regioni nello sviluppo dell'e-government

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il contesto - 21 - Per quanto riguarda proprio lo sviluppo in Italia della SI, il 12 febbraio di quest’anno è stato pubblicato il rapporto finale relativo al programma e-Europe che descrive i risultati raggiunti e i progressi compiuti dalle nazioni europee dall’approvazione del piano del 2000. L’Italia, in particolare, migliora la sua posizione rispetto agli altri paesi europei di un 20% rispetto al rapporto di benchmarking pubblicato nel 2001. I progressi compiuti permettono all’Italia di passare dal 12° posto al 9° nella graduatoria dei paesi europei, sulla base delle categorie individuate dall’Unione Europea per il confronto, ponendosi nel valore medio dell’Unione 12 , grazie soprattutto alla crescita nei più importanti servizi online relativi all’e-government. In generale nel panorama europeo, i risultati del programma e-Europe individuati dall’e-Europe Final Report diffuso dalla Commissione Europea sono: - forte aumento delle connessioni alla Rete Internet, grazie anche alla presenza in Europa della più veloce rete di ricerca nel mondo, - miglioramento del quadro normativo per le comunicazioni elettroniche e per l’e- commerce, - forte incremento dell’utilizzo della Rete, anche se l’Italia (35%) resta al di sotto della media europea di 42,6% 13 . Secondo la relazione “e-Europe 2002 ha raggiunto i suoi principali obiettivi, che rappresentano un importante passo avanti verso la realizzazione dell'economia basata sulla conoscenza, fulcro della strategia di Lisbona” 14 . 1.2.1 Linee guida del governo per lo sviluppo della Società dell’informazione Il DPCM del 9 agosto 2001 ha istituito per la prima volta in Italia il Ministro L. Stanca, senza portafoglio, per le innovazioni e per le tecnologie, cui sono state delegate “le funzioni spettanti al PCM nelle materie dell’innovazione tecnologica, dello sviluppo 12 Italia Oggi, 18 Febbraio 2003 13 Commissione Europea, e-Europe 2002 final report, il 13 febbraio 2003 14 www.municipia.it, 24 febbraio 2003 Tabella n. 3 - Progressi realizzati nell’ambito di e-Europe 2002 La penetrazione d’Internet nelle famiglie è raddoppiata È stato predisposto il quadro normativo per le telecomunicazioni I prezzi d’accesso ad internet sono diminuiti Quasi tutte le imprese e le scuole sono collegate L’Europa dispone della rete dorsale per la ricerca più veloce al mondo La disciplina del commercio elettronico è stata in gran parte realizzata Il numero di servizi pubblici online è aumentato Sta emergendo un’infrastruttura tecnica per le smart card Gli stati membri hanno adottato linee guida in materia d’accessibilità Fonte: e-Europe Benchmarking Report 2001

Anteprima della Tesi di Alessia D'alonzo

Anteprima della tesi: Il ruolo delle regioni nello sviluppo dell'e-government, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Alessia D'alonzo Contatta »

Composta da 285 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2486 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.