Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Chora: dal Timeo di Platone all'istanza femminista postmoderna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Sallis mette anche in rilievo la valenza simbolica della quarta persona assente, come dice Timeo, per malattia: la sua assenza non è volontaria, ma obbligata, per necessità, quella stessa necessità che costringerà Timeo a ricominciare il suo discorso da capo per parlare, appunto, di Necessità, elemento che, fino a quel momento del dialogo era stato completamente taciuto, quindi assente (“E il quarto dov’è?”). 4 Il Timeo, a ben vedere, è segnato da una struttura narrativa assai particolare: “Tutto il Timeo è (…) scandito da ritorni indietro”, ci avverte Derrida. 5 Non è difficile rintracciare i più rilevanti fra questi ritorni: si ricordi, appena a inizio dialogo, il riassunto da parte di Socrate del discorso sulla Città ideale tenuto il giorno precedente (17C-19B), o il racconto di Crizia, un ritorno al passato irresistibile, vorticoso, capace di spingersi fino alle origini arcaiche e ormai dimenticate (dai Greci) di Atene. Infine è lo stesso Crizia a invitare Timeo, in quanto il più esperto, fra i presenti, in materia di astronomia, a parlare addirittura della genesi del cosmo, l’origine per antonomasia. Tutto questo gioco di rimandi, questa struttura fatta di complessi incassamenti narrativi o, per dirla con Derrida, di “ricettacoli di ricettacoli narrativi” 6 , può essere interpretato mediante due diverse analogie formali. I continui rimandi da un lato anticiperebbero, nel loro frenetico ritorno all’indietro, l’abisso che si aprirà all’interno del discorso di Timeo, e che condurrà appunto all’Origine di tutte le cose. 4 Ibid., pagg.9-11. 5 Cfr. il saggio di Derrida Chora contenuto in Derrida J., Il segreto del nome, Milano, Jaca Book, 1997, pag.83. 6 Ibid., pag.74: “In verità ogni contenuto narrativo (…) diviene a sua volta il contenente di un altro racconto. Ogni racconto è dunque il ricettacolo di un altro. Non ci sono che ricettacoli di ricettacoli narrativi.”

Anteprima della Tesi di Francesco Relandini

Anteprima della tesi: Chora: dal Timeo di Platone all'istanza femminista postmoderna, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Relandini Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7024 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.