Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giornalismo e letteratura. L'evoluzione della Terza pagina nella storia del Corriere della Sera

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 per la produzione letteraria del periodo, realizzata grazie ad una prima, “poco affinata”, forma di pubblicità su carta stampata. Altri passi significativi li compiono due testate quali l’«Opinione» e il «Giorno». La prima introduce rubriche quotidiane di varietà per mantenere desto l’interesse dei lettori, la seconda dedica invece pari ampiezza alla trattazione degli argomenti politici e culturali, fino ad assegnargli, nel supplemento domenicale, l’interezza delle sue otto pagine. Le premesse fin qui delineate sono imprescindibili, così come indispensabile è avere sempre presente il momento storico considerato. Tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo l’industria italiana si fa promotrice di una rapida espansione, l’economia del paese è avviata nella direzione dello sviluppo e in genere si assiste a un miglioramento della qualità della vita. La crescita della popolazione è ingente e il processo di urbanizzazione subisce una costante accelerazione. Si amplia la rete ferroviaria per favorire l’incremento dei trasporti e il miglioramento del servizio postale, indispensabili premesse all’attività di diffusione e distribuzione dei quotidiani. Infine, l’impiego del telegrafo rende più rapida la circolazione delle notizie, fino ad arrivare agli albori del nuovo secolo all’istituzione di linee telefoniche a lunga distanza. Senza simili fondamenta l’editoria non avrebbe potuto ergersi e muovere verso la prosperità. Allontanate minacce e necessità più incombenti, cresce il bisogno d’informazione, e con esso l’apertura verso l’ambito culturale. Siamo così giunti al nodo fondamentale della questione: la nascita della cosiddetta terza pagina. Si diceva prima che la data della sua prima apparizione costituisce un piccolo dilemma. Ma il quotidiano che la ospita è comunemente considerato «Il giornale d’Italia» diretto da Alberto Bergamini.

Anteprima della Tesi di Fabrizio Bianchi

Anteprima della tesi: Giornalismo e letteratura. L'evoluzione della Terza pagina nella storia del Corriere della Sera, Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze e tecnologie della comunicazione

Autore: Fabrizio Bianchi Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8729 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.