Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro interinale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 interpositori è legato all’evoluzione della struttura produttiva, la consapevolezza di dover regolamentare tali manifestazioni è connessa al carattere fraudolento spesso insito in essi. Le problematiche e le prospettive del diritto che sono alla base di tali mutamenti introducono elementi nuovi nell’analisi evolutiva dei fenomeni in esame. Per questo quindi il legislatore, dovendo trovare un adeguato equilibrio fra la domanda di garanzie e di stabilità dei lavoratori e l’esigenza di flessibilità e di adattamento della dimensione occupazionale da parte delle imprese, ha previsto un insieme variegato di figure giuridiche “atipiche” tra cui scegliere. Si è poi voluto dedicare interamente il capitolo 2 all’analisi del fenomeno interpositorio dal punto di vista storico e legislativo: dalla figura del capo-comittista, con ascendenze risalenti alle origini della rivoluzione industriale, passando attraverso la proibizione del cottimo collettivo autonomo prevista dall’art. 2127 cod. civ. odierno, per arrivare alla legge 1369/1960 che detta una normativa innovativa in tema sia di interposizione sia di appalti di opere e servizi. Essa cerca infatti da un lato di combattere il decentramento fittizio, estendendo e rafforzando il divieto di intermediazione, interposizione e appalto di manodopera, e dall’altro di scoraggiare lo stesso decentramento genuino, rendendo più oneroso il ricorso ad appalti d’opera e servizi anche legittimi. Quando l’obsolescenza della disciplina legislativa e contrattuale in materia di intermediazione e di appalti e la necessità di conformarsi alla disciplina comunitaria richiedono una revisione della normativa è il “Protocollo sulla politica dei redditi e dell’occupazione, sugli assetti contrattuali, sulle politiche del lavoro e sul sostegno al sistema produttivo” del 23 luglio 1993 che prevede l’introduzione anche nel nostro paese del lavoro interinale. Si dovrà tuttavia aspettare il Patto per il lavoro del 24 settembre 1996 affinché venga data una spinta decisiva per l’approvazione della legge n. 196 del 1997, che introduce anche in Italia il lavoro temporaneo tramite agenzia (cd. lavoro interinale).

Anteprima della Tesi di Lucia Bruna Maria Chiara Tesini

Anteprima della tesi: Il lavoro interinale, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lucia Bruna Maria Chiara Tesini Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4448 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.