Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La contabilizzazione delle stock options

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 1.1 Definizioni Al fine di analizzare il fenomeno delle stock option occorre innanzitutto fornire alcune definizioni fondamentali per comprendere la terminologia di seguito utilizzata, nonché inquadrare l’argomento nell’ambito delle diverse forme di incentivazione del personale che le società possono utilizzare. I piani di stock option si basano sull’attribuzione di opzioni call ad un determinato numero di dirigenti e/o dipendenti della società emittente, ad un prezzo (exercise/strike price) generalmente inferiore a quello di mercato (stock price), per l’acquisto (in caso di emissione di nuove azioni) o la sottoscrizione (se si tratta di azioni già esistenti) di azioni della società stessa, trascorso un certo periodo di tempo (vesting period) e lungo un arco temporale determinato (exercise period). Le differenze tra executives stock option (cioè le opzioni attribuite ai dirigenti) e traded stock option (le normali opzioni negoziate nei mercati finanziari) sono notevoli, e di seguito cercheremo di illustrare le principali. Innanzitutto, nel caso di executives stock option il diritto di opzione è attribuito in cambio dello svolgimento di attività lavorativa per un certo numero di anni da parte del dipendente, che deve quindi “guadagnarsi” la facoltà di esercitare le opzioni a lui offerte 1 . Le opzioni riservate ai dipendenti non sono immediatamente attribuite loro, ma sono sottoposte ad una condizione sospensiva per l’assegnazione (la cosiddetta vesting requirement): i diritti di opzione decadono se il beneficiario non resta in servizio presso l’impresa emittente durante il periodo di tempo stabilito nel piano (service period). In questo modo l’azienda si assicura una certa fedeltà da parte del dipendente destinatario 1 CATUOGNO (1998:2)

Anteprima della Tesi di Letizia Nerini

Anteprima della tesi: La contabilizzazione delle stock options, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Letizia Nerini Contatta »

Composta da 255 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5312 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.