Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La contabilizzazione delle stock options

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VI c) il tema sta diventando oggetto di complessi insiemi di norme di varia natura, sia a livello internazionale che nei singoli paesi, inclusa l’Italia. Le imprese operanti nei settori più competitivi si trovano oggi a dover affrontare due sfide fondamentali per quanto riguarda i sistemi di incentivazione, dalle quali ci sembra interessante prendere spunto per introdurre le stock option 3 : • la necessità di allineare gli obiettivi dei manager a quelli degli azionisti, nell’ottica di creazione di valore per i secondi; • l’esigenza di attrarre e trattenere le persone più adatte al raggiungimento degli obiettivi di business. I piani di stock option si ispirano ad un principio di base: far sì che gli amministratori operino nell’interesse degli azionisti, in quanto danno la possibilità a questi stessi soggetti di acquistare azioni della società in cui prestano la propria attività lavorativa. Occorre però sottolineare che le stock option non sono l’unico meccanismo in grado di orientare gli amministratori agli interessi degli azionisti, in quanto esistono anche altri strumenti (alcuni dei quali verranno presi in esame nel corso del nostro lavoro). Inoltre, se è vero che gli azionisti devono ricoprire un ruolo primario nella società, è altrettanto vero che i loro interessi devono essere contemperati con quelli degli altri stakeholders. I motivi che portano le imprese, soprattutto nel mondo anglosassone, a preferire i piani di stock option ad altri meccanismi equivalenti dal punto di vista degli obiettivi, sono fondamentalmente tre: 1. i principi contabili fino ad ora esistenti consentono di non rilevare nei bilanci delle imprese il costo dei piani di stock option attuati a favore del personale o degli amministratori e, di conseguenza, il costo dei 3 BRERO-MARCHESI (2001:95).

Anteprima della Tesi di Letizia Nerini

Anteprima della tesi: La contabilizzazione delle stock options, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Letizia Nerini Contatta »

Composta da 255 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5312 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.