Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mediazione ed interposizione nella disciplina dei rapporti di lavoro dopo il d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

MEDIAZIONE ED INTERPOSIZIONE NELLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO DOPO IL D.LGS. 10 SETTEMBRE 2003, N. 276 18 La legge n. 196/1997, come detto, si caratterizzava per la sua natura derogatoria rispetto alla legge n. 1369/1960. Questo significa che permaneva, nel nostro ordinamento, il divieto di interposizione, ma erano sottratte dalla sua sfera applicativa le fattispecie descritte dalla legge n. 196/1997. Con l’attuazione della legge Biagi, invece, l’ordinamento passa da una situazione di totale sfiducia nei confronti del fenomeno interpositorio, ad un’altra in cui, all’opposto, il legislatore vede nella somministrazione uno strumento di realizzazione delle esigenze occupazionali del mercato. Proprio di questo mutamento di ordine di idee si tratterà nel capitolo, cercando, per quanto possibile, di delineare i punti differenziali tra la vecchia e la nuova disciplina.

Anteprima della Tesi di Francesco D'amora

Anteprima della tesi: Mediazione ed interposizione nella disciplina dei rapporti di lavoro dopo il d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco D'amora Contatta »

Composta da 335 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4169 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.