Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi dell'industria discografica a seguito della pirateria e dell'effetto ''Napster'', il caso EMI

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I – Il panorama dell’industria fonografica nel mondo e in Italia 10 In particolare, è interessante notare che in genere questi nuovi mercati hanno vissuto una robusta fase di crescita, illegale ma intensa, con la presenza massiccia di prodotti pirata. E’ importante comprendere che consumatori di musica registrata non si nasce, ma si diventa e, in tale logica, la pirateria, in modo certo anomalo e peculiare, può addirittura svolgere un servizio per il mercato legale, assumendo un ruolo accessorio e fungendo da moltiplicatore dei consumi fonografici nei mercati non ancora sviluppati. Ciò, per esempio, è quanto avvenuto in Tailandia, dove a un’espansione del mercato illegale è seguito l’intervento del governo locale, sollecitato dalle pressioni di Stati Uniti, Commissione Europea e IFPI, che ha permesso la crescita dei fatturati sul mercato legale del 68% nel 1994 e, contestualmente, ha attirato sul territorio le multinazionali, prima operanti al massimo tramite licenziatari locali. Una vicenda analoga è avvenuta nel 1995 in Bulgaria dove, a una timida presa di posizione dell’autorità locale, è seguita una crescita in volume del mercato del 66%, attirando attenzione e investimenti da parte delle majors. Fig. 4 - DATI 2002

Anteprima della Tesi di Alessandro Manunta

Anteprima della tesi: La crisi dell'industria discografica a seguito della pirateria e dell'effetto ''Napster'', il caso EMI, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Manunta Contatta »

Composta da 288 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12521 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 47 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.