Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione dell'acqua e i fallimenti della privatizzazione idrica in alcuni PVS

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 depurare gli scarichi; infine, l’inquinamento crescente delle fonti ha reso necessario lo sviluppo di trattamenti di potabilizzazione. L’inderogabilità, quindi, di tecnologie più complesse aumenta l’intensità di capitale e il fabbisogno di investimenti, dilatando considerevolmente la dimensione efficiente degli impianti e il bacino ottimale di utenza per i servizi.Ma parallelamente anche altri utilizzatori dell’acqua, quelli produttivi, reclamano un’offerta di servizi che richiedono sempre più , per la loro diffusione, un intervento dell’amministrazione pubblica. L’ultimo fattore che ha messo in crisi il modello di offerta tradizionale è costituito dalla sempre più indispensabile integrazione tra i diversi utilizzi, che implica una programmazione a livello dell’intera risorsa. I paesi in cui questa pressione è stata avvertita con maggiore anticipo sono l’Inghilterra e la Francia, dove il settore dei servizi idrici è stato oggetto di importanti riforme, che ne hanno trasformato gli ambiti di erogazione e le modalità di organizzazione e di regolamentazione. In Francia la riforma del sistema idrico è stata effettuata negli anni’60 grazie soprattutto all’istituzione delle Agenzie finanziarie di bacino. L’Inghilterra ha effettuato una prima riforma nel 1973, affidando il settore a dieci Water Authorities, enti pubblici con il compito di governare l’intero ciclo delle risorse idriche. Nel 1989 le Water Authorities sono state trasformate in società private e sono stati istituiti due organismi di regolamentazione: uno con compiti di protezione ambientale e programmazione delle risorse, l’altro con compiti di regolamentazione economica dei servizi. Oggi questi due paesi sono dotati di un’ industria dell’acqua dinamica, fortemente integrata, costituita da grandi imprese, competitive anche in un contesto di ampio respiro internazionale, e di un sistema di amministrazione del ciclo delle acque molto sofisticato. In altri paesi l’intervento istituzionale è stato più lento, ma grazie a buona capacità imprenditoriale a livello locale e a una solida disponibilità finanziaria questo settore è potuto evolvere egualmente verso un offerta di servizi di elevata qualità.

Anteprima della Tesi di Francesco Ferlisi

Anteprima della tesi: La gestione dell'acqua e i fallimenti della privatizzazione idrica in alcuni PVS, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Ferlisi Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7549 click dal 17/06/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.