Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trattamento e reinserimento sociale dell'omicida

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Al livello più basso egli situa la carriera criminale “ordinaria”, riguardante soprattutto reati contro la proprietà, che non richiedono grandi capacità oltre l’uso della forza e delle armi. I criminali appartenenti a questa categoria, provengono, generalmente, dai ceti meno abbienti ed hanno una lunga storia di reati e di periodi di detenzione. Al secondo livello Reckless (1961) colloca la carriera criminale “organizzata”, nella quale, le attività svolte sono più complesse e richiedenti maggiore specializzazione. Queste vanno dal traffico di droga al controllo della prostituzione ed in esse l’arresto rappresenta un evento raro. Il livello di più elevata complessità, concerne la carriera criminale “professionale”. Questa forma di delinquenza richiede competenze che vadano oltre la pura violenza; è, appunto la professionalità che consente, a questa tipologia di criminali, di raggiungere alti gradi di benessere economico ed una bassa probabilità di venire scoperti. Analizzando il rapporto famiglia/devianza, De Leo (1998) individua alcuni fattori di rischio (soprattutto aspetti di deprivazione) che nella prima fase del percorso sono a-specifici, cioè non deterministici nell’orientare il comportamento in senso deviante, e che diventano sempre più specifici nelle fasi successive. Il soggetto, nella seconda fase, inizia a percepire l’aspetto deviante delle proprie azioni che costituiscono gli “amplificatori” dei processi psicologici, relazionali e simbolici che le sottendono. Nella terza fase la devianza si stabilizza come sistema privilegiato con cui comunicare disagi, attirare attenzione e provocare reazioni, rendendo sempre più difficile l’orientarsi verso percorsi alternativi non devianti. De Leo interpreta tali rischi attraverso quelli che egli chiama “metarischi”, anch’essi inizialmente a-specifici, e via via sempre più specifici nelle fasi intermedia e finale. I “metarischi” sono le modalità con cui il soggetto valuta, affronta, pianifica, attiva o destabilizza i rischi della prima fase.

Anteprima della Tesi di Marta Turnu

Anteprima della tesi: Trattamento e reinserimento sociale dell'omicida, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marta Turnu Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3199 click dal 05/05/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.