Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La presunzione di non colpevolezza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

IV Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948, e del Patto internazionale sui diritti civili e politici del 1966. Infine, ho analizzato più approfonditamente, l’articolo 27, secondo comma della Costituzione, sia sotto il profilo della regola di giudizio, che sotto quello della regola di trattamento. Dire che la presunzione di non colpevolezza, assume la funzione di regola di giudizio, significa far gravare sul pubblico ministero l’onere di provare la sussistenza degli elementi costitutivi del reato. D’altro canto, ciò implica che, l’inerzia dell’imputato, da sola, non può produrre conseguenze a lui sfavorevoli, poiché, l’adempimento dell’attività probatoria, non costituisce un suo onere, bensì un suo diritto. Parlare della presunzione di non colpevolezza come regola di trattamento, invece, comporta che un imputato, anche se in custodia cautelare, non può essere trattato alla stregua di un normale condannato. Inoltre, come sancisce l’art. 13 della Costituzione, si può procedere alla limitazione della libertà personale solo «nei casi e modi previsti dalla legge», oltre che «per atto motivato dall’autorità giudiziaria». Tuttavia, tale articolo non ci dice quali sono le finalità cui deve tendere l’istituto della custodia cautelare, provocando, così, una lacuna nel sistema, che è comunemente detta “vuoto dei fini”. L’unico modo per colmare tale lacuna, è quello di coordinare l’art. 13 Cost. alle altre norme costituzionali, e soprattutto, all’art. 25 e 27, secondo comma,Cost. Tuttavia, quanto detto fin qui, può trovare delle eccezioni. Infatti, avvalendomi dell’ausilio di alcune sentenze della Corte Costituzionale, di documenti, testimonianze

Anteprima della Tesi di Giovanna Batia

Anteprima della tesi: La presunzione di non colpevolezza, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanna Batia Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12326 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 39 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.