Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Costituzioni e costituzionalismo nel mondo islamico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Introduzione. 1. Contesto. L’espressione “mondo islamico” evoca un concetto geografico, giacché indica un insieme territorialmente continuo di paesi che si estendono tra l’Atlantico e l’Oceano Indiano. Ciò che rende i paesi dell’Africa settentrionale e del Vicino e Medio Oriente un unico blocco non è solo il fattore religioso, e cioè che i loro abitanti sono nella maggioranza musulmani. 1 Il blocco si è formato anche per ragioni storiche; questi paesi sono stati parte più o meno importante dei primi imperi fondati in nome dell’Islam, trattasi, infatti, dei paesi conquistati durante la prima ondata di espansione arabo-islamica. Essi hanno costituito il califfato e, più tardi, anche dopo la cessazione del suo governo, hanno continuato a riconoscere la sua autorità. Tra questi paesi si è così mantenuta una certa coesione che, seppure non effettiva, esprimeva le loro volontà di riconoscersi in un contesto sovranazionale. In questo modo si è conservata viva nei secoli l’idea di uno Stato arabo-islamico anche in assenza di concrete probabilità di realizzazione. L’ideale di Stato e di comunità, già presente nel Corano e sollecitato dalla politica di Maometto, non è mai stato messo in discussione; presso i musulmani, la possibilità di potenza e di supremazia è stata quasi sempre legata alla circostanza, per tali paesi, di congiungersi in un’istituzione che, lasciando ampi margini di autonomia alle varie componenti sociali ed etniche, avrebbe facilmente realizzato quell’ideale. Il persistere di questo ideale ha avuto inevitabilmente ripercussioni politiche. Inoltre ha creato non pochi equivoci sulla attuale situazione politica ed ideologica, dovuti ad un approccio superficiale e schematico che non tiene in considerazione questa unità culturale. 1 M. Oliviero, La recezione del modello semipresidenziale nei Paesi arabi, in L. Pegoraro, A. Rinella (a cura di) Semipresidenzialismi, n.3 dei Quaderni del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli studi di Trieste, CEDAM, Padova, 1997, pp. 253 e ss.

Anteprima della Tesi di Alessandro Marcadelli

Anteprima della tesi: Costituzioni e costituzionalismo nel mondo islamico, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Marcadelli Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5218 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.