Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Costituzioni e costituzionalismo nel mondo islamico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 All’analisi delle Costituzioni e dei relativi principi che ci si appresta a svolgere, spesso difettano topoi tipici della storiografia moderna. 4 Si considerino concetti quali “stato territoriale”, “opinione pubblica”, “stato nazionale”, “economia politica”: nel caso in cui si ricorra ad alcuni di questi non manca quasi mai un accenno alla loro estraneità rispetto alla cultura islamica. Per esteso, ove alla nozione di costituzione si attribuisce il significato di testo fondamentale che traduce la volontà di limitare ovvero di delimitare il potere e di garantire i diritti dei cittadini, si intende esaminare l’attitudine delle costituzioni oggetto ad organizzare la struttura statuale, l’esercizio dei poteri e la tutela delle libertà fondamentali. Parametri di riferimento nell’affrontare i caratteri del costituzionalismo nel mondo islamico possono essere i valori individuati da Barbera: autonomia e separazione fra sfera politica e sfera religiosa; esistenza o meno di un testo costituzionale, o tutt’al più fondamentale, frutto di una decisione sovrana del popolo; legittimazione dei poteri sovrani dello Stato; status di cittadino legittimante l’acquisizione dei diritti e di doveri; primato dei diritti dell’uomo rispetto a valori trascendenti e loro subordinazione al potere pubblico stesso; adozione del principio di maggioranza quale procedura fondamentale di attuazione delle decisione politiche; subordinazione alla legge del soggetto che detiene il potere, sia esso di estrazione popolare o successoria; garanzia della separazione dei poteri o, quanto meno, loro limitazione; potere legislativo fondato su un Parlamento elettivo in almeno una delle due Camere; previsione di una tutela dei diritti dei cittadini, anche nei confronti del potere pubblico, tramite giudici inseriti in un ordine indipendente; garanzia del controllo di costituzionalità delle leggi, diffuso od accentrato. 5 Per la natura stessa dell’impostazione analitica, è precluso l’utilizzo dei testi originali nella maggior parte dei casi, e ciò rende ineluttabile il ricorso a documenti tradotti: a seconda del contesto, dell’utilità e della possibilità ci si è avvalsi delle Costituzioni apparse in lingua inglese e francese nella loro versione più nota ed aggiornata fornita principalmente dal sito internet dell’Università di Würzburg: l’indagine, infatti, verterà principalmente sui testi in vigore, salva la segnalazioni di esempi significativi, idonei ad illustrare una tendenza, un’evoluzione storica, la circolazione di un modello, la sua recezione. 6 4 Pegoraro L., Forme di governo, definizioni, classificazioni, in L. Pegoraro, A. Rinella. (a cura di), Semipresidenzialismi, n° 3 dei Quaderni giuridici del Dipartimento di Scienze politiche dell’Università degli studi di Trieste, CEDAM, Padova, 1997, pp. 3-24. 5 A. Barbera (cur) Le basi filosofiche del costituzionalismo, Laterza, IV ed., 2000, Roma-Bari, pp. 4-5. 6 Website ICL, http://www.uni-wurzburg.de/law/home/htm, aggiornato al 2 maggio 2003.

Anteprima della Tesi di Alessandro Marcadelli

Anteprima della tesi: Costituzioni e costituzionalismo nel mondo islamico, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Marcadelli Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5218 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.