Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teatro e disagio psichico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 b. Il secondo gruppo preso in considerazione è il Teatro Kismet, che si trova, a mio avviso, in una situazione intermedia tra gli altri due esempi: da un lato c’è l’appartenenza ad una condizione professionistica, che, come ho detto, lo avvicina alla compagnia di Delbono; allo stesso tempo, però, è manifesta una particolare attenzione all’handicap, che non è l’unica caratteristica del gruppo ma certo una delle più importanti, tanto da creare un vero e proprio progetto denominato appunto “Teatro ed handicap”. Tutto ciò non implica un’intenzione apertamente terapeutica, però pone un occhio di riguardo sul tipo di ricerca teatrale alla quale partecipano tutti i membri della compagnia, anche normodotati. Nel caso del Kismet mi sono soffermata molto sulla dimensione laboratoriale proprio per questo motivo, cercando di studiare le dinamiche della fase pre- spettacolare, al contrario di quanto è accaduto invece con Delbono, del quale reputo più interessante uno studio a lavoro concluso (anche se poi in realtà, dopo la presentazione dello spettacolo, continua ad essere presente una ricerca ad ogni replica). c. Il terzo esempio è il Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli, un progetto in ambito scolastico, a Roma, per un laboratorio di teatro con l’introduzione di ragazzi portatori di handicap. Qui il tempo del laboratorio diventa preponderante rispetto alla realizzazione spettacolare, che si presenta non come esistente a sé, bensì come logica conclusione di un percorso. E’ un’esperienza in cui si precisa che il fine non è prettamente terapeutico ma teatrale e pedagogico in senso non discriminatorio; il lavoro è infatti rivolto a ragazzi normodotati e handicappati, ponendo particolare attenzione proprio sull’integrazione. Sono innegabili certe differenze rispetto ai due casi precedenti, come il fatto che non siamo di fronte ad una compagnia stabile di attori professionisti bensì ad un gruppo che si rinnova di anno in anno. In questo caso, ho dunque cercato di porre più attenzione sulla parte pedagogica e sul senso dell’integrazione all’interno del laboratorio, esaminando gli elementi scenici in funzione dei risultati (indirettamente) terapeutici, così come mi è parso nello spirito dell’iniziativa.

Anteprima della Tesi di Simona Bracaloni

Anteprima della tesi: Teatro e disagio psichico, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Simona Bracaloni Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11951 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.