Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il pegno rotativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 modello economico legato alla proprietà» 3 . Oggi, la rapida evoluzione della realtà economica e finanziaria sollecita la ricerca di tecniche sempre più agili di tutela dei finanziamenti e spinge verso una progressiva accelerazione della velocità di circolazione della ricchezza mobiliare. Il nostro sistema giuridico delle garanzie reali, però, si è dimostrato incapace di adeguarsi alle nuove esigenze del mercato dei finanziamenti, e di seguire il passo dei mutamenti dei tempi proprio a causa della rigidità che caratterizza la disciplina codicistica della responsabilità patrimoniale e delle garanzie reali. Noti dogmi, come ad esempio quello dell’inderogabilità da parte dell’autonomia privata del principio della par condicio creditorum, o quello della tipicità e del numerus clausus dei diritti reali di garanzia, sembrano aver creato un divario incolmabile tra la staticità dei modelli giuridici e la dinamicità della realtà economica 4 . Da tempo anche la dottrina ha sottolineato che l’attuale sistema non è in grado di soddisfare le esigenze che sottendono al finanziamento esterno delle imprese dato che, da un lato, per la costituzione del vincolo si richiede lo spossessamento del bene oggetto della garanzia, e quindi, la privazione del potere di utilizzo dello stesso, dall’altro lato, l’imprenditore, obbligato a concedere in garanzia non solo il capitale fisso ma anche quello circolante (materie prime, crediti, prodotti finiti…), ha l’esigenza di non sottrarre quei beni al processo produttivo, in modo da contribuire a generare quel flusso di ricchezza con il quale restituire il finanziamento ricevuto. Rilevanti sono, inoltre, le esigenze correlate alla costituzione in pegno di valori mobiliari, categoria di beni, questa, contraddistinta 3 S. Gatti, Il credito su pegno, Milano, 1997, pag. 147 e seg. 4 Francesca Fiorentini, Garanzie reali atipiche, 2000, saggio pubblicato sul sito www.jus.unitn.it

Anteprima della Tesi di Valeria Orlando

Anteprima della tesi: Il pegno rotativo, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Valeria Orlando Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2683 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.