Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzazione della vitamina A: regolazione della secrezione del suo trasportatore “Retinol Binding Protein” (RBP) dall’epatocita

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 INTRODUZIONE 1.1 Vitamina A: struttura chimica e precursori Il termine vitamina A si riferisce al retinolo (la forma alcolica) e ai suoi esteri (esteri retinilici). Derivati attivi del retinolo sono suoi metaboliti più ossidati, e cioè il retinale e l’acido retinoico (Blomhoff 1994). Fig.1 La conoscenza della struttura chimica della vitamina A risale al 1931; la sua sintesi è stata realizzata da Isler della Hoffmann-La Roche nel 1947. I retinoidi sono caratterizzati da tre distinti domini strutturali: un’unità ciclica a 6 atomi di carbonio, una catena laterale composta da 2 unità isoprenoidi e un gruppo funzionale all’estremità della coda isoprenoide, in cui il C15 ha un diverso stato di ossidazione a seconda del composto. La presenza di 4 doppi legami nella catena laterale e’ compatibile con isomerizzazioni cis-trans; esistono quindi diversi stereoisomeri della vitamina A, sebbene solo alcuni siano stericamente possibili; le forme trans sono le più frequenti (Combs 1998) e sono state descritte sei forme cis (Goodman 1984; Sporn et al. 1994).

Anteprima della Tesi di Mirna Mercuri

Anteprima della tesi: Utilizzazione della vitamina A: regolazione della secrezione del suo trasportatore “Retinol Binding Protein” (RBP) dall’epatocita, Pagina 1

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Mirna Mercuri Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1442 click dal 07/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.