Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Credito al consumo: profili economici, regolamentazione e diversificazione del settore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 INTRODUZIONE Dalla seconda metà degli anni ottanta il sistema finanziario italiano ha assistito a una rapida crescita del mercato dei prestiti al consumo. L’ingresso convinto delle aziende di credito, il miglioramento dei prodotti sia dal lato dei contenuti tecnico-funzionali che dal lato della trasparenza delle condizioni, la maggiore domanda di credito delle famiglie indotto dalla crescita del reddito e dei consumi e da una minore avversione psicologica all’indebitamento, sono i fattori che più hanno concorso alla crescita del settore. In tale prospettiva la presente trattazione si propone di fornire elementi per una conoscenza più approfondita del funzionamento del mercato. In particolare il progetto è articolato in due parti: la prima parte in cui si analizza il settore del credito al consumo, partendo dalla definizione del credito al consumo sia da un punto di vista di giurisprudenza aziendale che normativo (direttive CEE, legge 142/92, Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (TULB), ecc). La normativa ci servirà anche per descrivere i requisiti di forma e contenuto del contratto di credito, e per

Anteprima della Tesi di Elvio Peppicelli

Anteprima della tesi: Credito al consumo: profili economici, regolamentazione e diversificazione del settore, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Elvio Peppicelli Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5353 click dal 21/05/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.