Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Quasi come Gian dei Brughi. Valore pegagogico e funzione della lettura ad alta voce nella scuola elementare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Si affronterà poi il passaggio dall’oralità alla scrittura, prendendo in esame i concetti di oralità primaria e oralità secondaria espressi da Walter J. Ong. Infine, vedremo come un’educazione all’ascolto non possa prescindere dal piacere dell’ascolto. 1.1. La lettura ad alta voce: breve introduzione storica Alcuni studiosi hanno recentemente sostenuto che lettura vocale e lettura silenziosa non devono essere viste esclusivamente in una prospettiva diacronica 3 , ma generalmente si ritiene che durante l’età antica l’uso della lettura silenziosa fosse un’eccezione e che leggere ad alta voce fosse la norma fin dagli inizi della scrittura. Jesper Svembro ritiene inevitabile pensare che in una cultura come quella greca, che valorizza sopra ogni cosa la parola parlata, l’oralità, “la lettura non ha interesse se non nella misura in cui essa preveda una lettura oralizzata” 4 . Omero non era cieco? Cosa c’è di più simbolicamente forte di un poeta non vedente, che necessariamente deve declamare i suoi versi a memoria, essendo impossibilitato a scriverli? L’insegnamento di Socrate è sempre stato solo orale, di ciò che sosteneva non scrisse mai. Per i Greci dell’età arcaica, ma anche per quelli dell’età classica, lo scritto assumeva importanza nel momento in cui veniva declamato ad alta voce, fosse a teatro, fosse in una pubblica lettura. Scopo fondamentale della scrittura è, dunque, “generare un suono, piuttosto che rappresentarlo” 5 . 3 Si veda in particolare: J. Svembro, La Grecia arcaica e classica: l’invenzione della lettura silenziosa in G. Cavallo, R. Chartier (a cura di), Storia della lettura nel mondo occidentale, Laterza, Bari 1995; R. Chartier, Letture e lettori nella Francia di antico regime, Einaudi, Torino 1988, pp. 121-134. 4 G. Cavallo, R. Chartier (a cura di), Storia della lettura nel mondo occidentale, cit., p. 4. 5 Ivi, p. 35.

Anteprima della Tesi di Gianni Trezzi

Anteprima della tesi: Quasi come Gian dei Brughi. Valore pegagogico e funzione della lettura ad alta voce nella scuola elementare, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gianni Trezzi Contatta »

Composta da 217 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8271 click dal 25/05/2004.

 

Consultata integralmente 51 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.