Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Movimenti transfrontalieri di organismi geneticamente modificati: protocollo di Cartagena e norme dell'OMC

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 che provoca nella pianta la resistenza ad alcuni insetti, senza essere dannoso per l’uomo 3 . Il primo prodotto geneticamente modificato è stato il tabacco, creato nei primi anni ’90 in Cina, ma la commercializzazione di OGM è iniziata nel 1994 negli Stati uniti 4 . Nel 1999 erano coltivate 13 specie geneticamente modificate. Quattro prodotti costituiscono ora la quasi totalità della produzione transgenica: la soia (63% della superficie coltivata), il mais (19%), il cotone (13%) e la canola (5%) 5 ; le restanti coltivazioni occupano meno dell’1% 6 . Lo sviluppo delle produzioni transgeniche resta concentrato in pochi paesi, in particolare negli Stati Uniti (68% di tutta la produzione mondiale), in Argentina (22%), in Canada (6%); altri paesi (tra i quali Cina, Messico, Uruguay, Sudafrica e Australia) si dividono il restante 1%. Le modifiche genetiche sono realizzate per arricchire l’organismo di caratteristiche ritenute utili: principalmente, la resistenza agli erbicidi o agli insetti o ad entrambi 7 ; sono possibili anche miglioramenti qualitativi, come l’aumento dei valori nutrizionali del prodotto (ad esempio, l’aggiunta di vitamina A), la resistenza a virus e funghi, la capacità di crescere in ambienti ostili e l’accrescimento della produzione per unità di terra coltivata 8 . Le prospettive aperte dalla diffusione delle colture transgeniche sono quindi interessanti 9 . Vi è la possibilità di ottenere maggiori quantità di cibo o una qualità migliore e questo, secondo i fautori degli OGM, contribuisce ad alleviare il problema mondiale della scarsità di cibo 10 . Il minore utilizzo di pesticidi durante la 3 FONTE M., OGM e nuova agricoltura all’alba del XXI secolo, Istituto Nazionale di Economia Agraria (working paper 19/02), 2002, p. 4 (www.inea.it/prin/risultati/wp19.pdf). 4 PHILLIPS P., KERR W., Alternative paradigms – the WTO versus the biosafety protocol for trade in genetically modified organisms, in JWT, 2000, p. 63 ss., p. 63. 5 La canola è una varietà di colza modificata, usata per ricavare congiuntamente olio commestibile e farina proteica per l’alimentazione animale (FONTE M., op. cit., p. 4). 6 Ibidem, p. 3. I dati sono del 2001. V. anche www.isaaa.org - International Service for the Acquisition of Agri-biotech Applications. 7 Queste tre categorie coprono il 99% della produzione di OGM, FONTE M., op. cit., p. 18; PHILLIPS P., KERR W., op. cit., p. 63. 8 V. NELSON G. (a cura di), Genetically Modified Organisms in Agriculture: Economics and politics, San Diego, 2001 e www.bio.org, il sito web della Biotechnology Industry Organization. 9 V. UNDP, Human development report 2001: Making new technologies work for human development, New York, 2001, disponibile al sito http://hdr.undp.org/reports/global/2001/en/. 10 V. http://www.bio.org/er/agriculture.asp; ZARRILLI S, International trade in genetically modifed organisms and multilateral negotiations: a new dilemma for developing countries, in FRANCIONI F., Environment, human rights and international trade, Oxford, 2001, p. 39 ss, p. 42. Ad esempio, è stato creata una particolare varietà di riso (Golden Rice) per combattere la mancanza di vitamina A, che costituisce la principale causa di cecità al mondo, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

Anteprima della Tesi di Carlo Maria Vincenzo De Naro Papa

Anteprima della tesi: Movimenti transfrontalieri di organismi geneticamente modificati: protocollo di Cartagena e norme dell'OMC, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Carlo Maria Vincenzo De Naro Papa Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2426 click dal 27/05/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.