Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Movimenti transfrontalieri di organismi geneticamente modificati: protocollo di Cartagena e norme dell'OMC

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 ai principi accolti dalla Carta dell’Avana, in particolare alla ‘clausola della Nazione più favorita’ 29 . A causa di queste divergenze la Carta dell’Avana non fu mai ratificata. Mentre era ancora in corso la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e l’occupazione, 23 degli Stati coinvolti nella negoziazione della Carta dell’Avana, ritenendo che per dare un nuovo slancio all’economia post-bellica fosse necessario sollecitare il processo di liberalizzazione degli scambi, decisero di ‘stralciare’ la parte IV della Carta dell’Avana, concernente la politica commerciale internazionale e renderla subito applicabile 30 . Il 30 ottobre 1947 a Ginevra venne firmato l’Accordo Generale sulle tariffe doganali e sul Commercio (General Agreement on tariffs and Trade, GATT) 31 . Il GATT nasceva dunque con obiettivi e competenze più delimitati rispetto alla Carta dell’Avana ed era concepito come uno strumento solo temporaneo, per favorire l’immediata rimozione degli ostacoli commerciali introdotti nel periodo bellico e post-bellico, in attesa della ratifica della Carta stessa. Gli Stati firmatari del GATT negoziarono parallelamente reciproche diminuzioni dei dazi doganali sulle merci importate ed esportate tra loro. Il GATT operò dal 1 gennaio 1948 grazie ad un Protocollo di applicazione provvisoria 32 e non entrò mai formalmente definitivamente in vigore; le sue disposizioni hanno continuato ad essere eseguite, fino alla istituzione della Organizzazione Mondiale del Commercio 33 , sulla base del Protocollo per le parti originariamente contraenti e sulla base di analoghi protocolli di adesione per gli Stati che vi hanno aderito successivamente 34 . Il GATT fu l’unico strumento multilaterale a governare dal 1948 al 1994 il commercio mondiale; in quanto divenuto autonomo dal resto della Carta dell’Avana, l’accordo non affrontava i problemi economici e sociali trattati da questa, lasciando agli Stati piena libertà d’azione, né si raccordava con la disciplina dei movimenti internazionali di capitali e con la questione monetaria, come originariamente previsto per l’ITO. 29 V. infra, par. 4. 30 COMBA A., op. cit., p. 43. 31 General Agreement on tariffs and Trade, Ginevra, 30 ottobre 1947, 55 UNTS 194. 32 Protocol of Provisional Application, Ginevra, 30 ottobre 1947, 55 UNTS 308. 33 V. infra, par. 2. 34 Il GATT sarebbe dovuto entrare in vigore definitivamente dopo la ratifica da parte degli Stati rappresentanti l’85% del commercio esterno dei Paesi firmatari, ma vi furono solo 2 ratifiche di scarso peso economico, v. ADINOLFI G., op. cit., p. 15.

Anteprima della Tesi di Carlo Maria Vincenzo De Naro Papa

Anteprima della tesi: Movimenti transfrontalieri di organismi geneticamente modificati: protocollo di Cartagena e norme dell'OMC, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Carlo Maria Vincenzo De Naro Papa Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2426 click dal 27/05/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.