Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi criminologica della tortura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 L’idea che sia sufficiente una mera “copertura” penale del fenomeno, realizzata attraverso reati generici, contraddice lo spirito della Convenzione, che si propone di sottrarre la tortura alla logica dell’ordinaria amministrazione, mettendo in luce la sua speciale gravità e la necessità di una risposta specifica . Questo stato di cose rende inoltre problematico il rispetto da parte italiana di alcuni fra i più importanti contenuti della Convenzione contro la tortura: sembra infatti improbabile che possano essere previste “ pene appropriate che tengano conto della grave natura del reato” se quel reato non è neppure previsto autonomamente. E non è chiaro, anche se la legge italiana di esecuzione della Convenzione contiene una norma specifica sul punto, come il giudice penale italiano possa esercitare la propria giurisdizione universale, se non è prevista una fattispecie specifica di riferimento.

Anteprima della Tesi di Giovanni Pandarola

Anteprima della tesi: Analisi criminologica della tortura, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Pandarola Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4043 click dal 28/05/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.