Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cartolarizzazione dei crediti in Italia: il caso della BCC di Castellana Grotte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Aspetti generali della cartolarizzazione 11 b) una cessione di attività utile ai fini del bilancio, attraverso un’accurata «pulizia» dai portafogli di crediti «in sofferenza», e con effetti positivi sugli indici finanziari (fondamentali nel comparto bancario), nonché sul risultato economico. Non sarebbe altresì azzardato attribuire alla cartola- rizzazione una funzione assicurativa del rischio d’insolvenza, specie quando l’emissione di titoli assets è inferiore al valore dei crediti ceduti (overcollate- ralisation). La cartolarizzazione è tuttavia un’operazione che, nella sua semplicità strutturale, presenta numerose complessità, rintracciabili nella moltitudine di profili negoziali intercorrenti tra l’impresa, bancaria e non, il mercato e la tec- nica aziendale. In un contesto così variegato di benefici, virtù e difficoltà dell’operazione, caratterizzata oltretutto dal minimo rischio che interessa i soggetti direttamente coinvolti, si colloca l’emanazione della L. 130/1999, che, come espressamente riconosciuto dal D.D.L. n. 5058, «nasce in termini molto ampi sia in punto di tipologia di crediti cedibili, sia in fatto di soggetti cedenti, sia di operazioni effettuabili» 8 . La L. 130/1999 rappresenta una sorta di spartiacque nell’evoluzione della cartolarizzazione nell’ordinamento italiano; infatti, sebbene non sia a- scrivibile all’intervento del legislatore il merito di aver creato ex novo l’istituto giuridico in questione, resta da constatare che con il provvedimento si è potuti passare da una mera tipizzazione socio-economica ad una normati- va, con ovvi vantaggi in ordine alla definizione dei presupposti per uno svi- luppo più organico e deciso della securitization 9 . 8 L’importanza e l’imponenza del provvedimento legislativo non deve, tuttavia, celare lo stato di salute dei crediti in Italia. La securitization, infatti, richiede, per il buon esito dell’operazione, l’adempimento dell’obbligazione che ne sta alla base. 9 GABRIELE P., La cartolarizzazione dei crediti: tipizzazione normativa e spunti analitici, Giurisprudenza Commerciale, 2001, n. 4, pag. 515.

Anteprima della Tesi di Umberto Lucatorto

Anteprima della tesi: La cartolarizzazione dei crediti in Italia: il caso della BCC di Castellana Grotte, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Umberto Lucatorto Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4080 click dal 31/05/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.